Il Primato Nazionale mensile in edicola

Pisa, 12 dic – Bello Figo è tornato tra di noi anche se a dire il vero non ne sentivamo così tanto la mancanza. E questa volta pare che dovrebbe passare brutti guai.

Trombo a facoltà

Il video di Bello Figo questa volta si chiama Trombo a facoltà ed è stato tolto addirittura dal canale YouTube del rapper da oggi 12 dicembre per poi ricomparire privo delle immagini che hanno destato scandalo, quelle girate da Bello Figo senza autorizzazione presso il Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Pisa non sono più presenti.

Le reazioni del mondo politico

In breve, Bello Figo questa volta ha fatto troppo il “figo” e ha girato il suo video, piuttosto hot, nelle aule dell’ateneo pisano senza chiedere preventivamente nessuna autorizzazione. Il rettore Paolo Mancarella, contattato dall’Agi, ha dichiarato che «l’Ateneo si tutelerà in tutti i modi per difendere la propria immagine e il proprio onore». Il video del provocatorio rapper ha già scatenato una ferma condanna dell’europarlamentare Susanna Ceccardi e anche della responsabile della Lega Toscana per le politiche femminili Elena Vizzotto: “Non solo Bello Figo offende l’Università di Pisa, ma anche tutte le donne, ogni giorno vittime di violenze e soprusi. Auspico che l’Ateneo faccia davvero chiarezza su chi abbia permesso che venisse girato quel video, un coacervo di volgarità e nulla cosmico da lasciare basiti, dato che è improbabile che nessuno si sia accorto del personaggio in questione e delle riprese. Mi chiedo se davvero quelle canzoni siano il messaggio che vogliamo far passare ai giovani: le volgarità espresse in pochi minuti e l’idea di donna come ‘gioco facile’ del suddetto personaggio credo siano ben distanti da qualsiasi forma di educazione che vorremmo per i nostri figli e nipoti. Inutile combattere ogni giorno contro la violenza di genere quando modelli come quello proposto da Bello Figo non solo sono avvallati da un certo tipo di industria musicale, ma addirittura non subiscono nessuna censura da parte dei media”.

“Figura pessima per la città”

Il sindaco di Pisa Michele Conti ha risposto alla richiesta di un commento sul caso: “Il fatto è stato già giustamente condannato certo è una figura pessima per la città. Credo che alla base ci sia una questione culturale, di rispetto. Credo che 60 anni fa nessuno avrebbe mai pensato di provare a fare una cosa del genere in un’università“.

Ilaria Paoletti

4 Commenti

  1. essendo negro, nessun “boldriniano” oserà trovarci da ridire minimamente…sardine chiare in salsa marrone……

  2. Bello ???????????????????
    bah , alle donne piacciono le mezzeseghe come clooney ……
    ma questo è pure rachitico e cifotico !
    scommetto che alla 2a flessione sviene .

Commenta