Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 1 lug – La cantante Emma Marrone all’alba dei 35 anni ha scoperto di interessarsi di politica. Non è la prima volta, negli scorsi tempi, che prende una posizione contro il governo Salvini (cosa che si era ben guardata dal fare con la precedente “gestione”): dal palco del Palasele di Eboli, a febbraio, aveva innalzato un’invocazione ad “aprire i porti”. Salvo, poi, essere ricoperta di critiche sui social network.

Emma Marrone fan di Sea Watch

Adesso, Emma, celebre per essere uscita da Amici di Maria De Filippi e per le sue canzoni strappalacrime, ha ricevuto il medesimo trattamento dai suoi fan. Questa volta Emma ha condiviso dal proprio account Instagram, dal quale solitamente ci delizia con reportage sulle sue villeggiature in riva al mare del Salento,  un video nel quale si vede la comandante della Sea Watch Carola Rackete dopo lo sbarco a Lampedusa. Emma ha accompagnato il video a questa didascalia: “Solo una parola: vergogna – si leggeva nel post – Il fallimento totale dell’umanità. L’ignoranza che prende il sopravvento sui valori e sul rispetto di ogni essere umano. Stiamo sprofondando in un buco nero. Che amarezza“. Ma i giudizi che questa presa di posizione ha scatenato, forse, non sono stati quelli che Emma si aspettava: “Emma mi piaci come canti . Ma non ti permetto di esprimere giudizi contro chi non la pensa come te” commenta una ragazza. “Ma pensa a cantare che a governare ci pensano gli altri” commentano molti utenti. Poi, c’è un coro di: “Portateli a casa tu”. E il finale, più tranchant: “Cogliona, pensa a cantare, che a governare ci pensano gli altri”.

E lei: “Che bello non essere voi”

Su Twitter Emma ha risposto alle critiche di una sua fan con queste parole: “Ciao Monica che bella cosa non essere come te. Che bella cosa non essere te”. Davvero un bagno d’umiltà quello che Emma ha incensato alla ragazza, colpevole di non pensarla come lei e di aver scoperto una falla nella sua coerenza politica. Tommaso Paradiso, il poeta de noantri e leader dei The Giornalisti, è riemerso da un aperitivo a Fregene giusto in tempo per esprimere solidarietà alla cantante, interprete di alcuni sprezzanti brani di impostazione politica come Cercavo amore: “Sembra davvero che tutto ciò possa provenire da un mondo parallelo, per una falla improvvisa del sistema che ha deviato il normale corso delle cose come se stessimo assistendo da spettatori a un film post apocalittico ambientato in un tempo x lontano da qui, lontano da noi. Ma è semplicemente reale, spaventosamente reale. Per l’ennesima volta ci siamo sopravvalutati, invece rappresentiamo il punto più basso e infimo della grandiosità dell’universo tutto”. Poi nella querelle sono intervenute anche Paola Turci e, immancabile, Fiorella Mannoia: “Avanti, scatenatevi pure. I vostri insulti sono medaglie“. Oppure, sono solo un modo di cercare l’attenzione e darsi un tono che, altrimenti, Emma non avrebbe? A voi la risposta.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

  1. Come cantante non mi piace, come persona si vede ad un miliardo di chilometri che razza di ipocrita sia.
    Questo tipo di persone sono lontane dalla realtà…semplicemente perchè non la vivono e parlano come teleguidate da un marionettista che si cela nell’ombra.
    Coglioni quelli che le finanziano una bella vita.

Commenta