Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 dic –  Feltri è ospite alla trasmissione radiofonica La Zanzara, condotta da Giuseppe Cruciani e David Parenzo. Ma le cose non vanno come ci si aspetterebbe.

Parenzo è troppo persino per Feltri

Feltri, si sa, non è uno che guarda per il sottile e si sente sempre e comunque libero di dire la sua. E ci riesce, quasi sempre, che sia un salotto televisivo o su Twitter. Perché, titoli sensazionalistici a parte, è sufficiente vederlo ospite una volta a L’aria che tira per capire che il direttore di Libero è tranquillamente in grado di poter esprimere il suo parere senza ricorrere a trucchetti. Ma, evidentemente, con Parenzo è impossibile persino per lui.

“Bravo Cruciani che lo regge”

“Parenzo è una persona detestabile che interrompe e non ragiona, insulta e non ascolta” scrive Vittorio Feltri sul suo profilo Twitter. “Preferisco non parlare con lui” continua il direttore di Libero “scusate se ho interrotto il collegamento con La Zanzara, ma proprio non reggo questo povero cialtrone” e conclude: “Bravo Cruciani che lo regge”.

Una compilation di “pizze in faccia”

Non è la prima grama figura che Parenzo rimedia grazie alla sua isteria trinariciuta. Ricordiamo, ad esempio, quando quest’estate rimediò una sonora sculacciata da Giorgia Meloni: nella puntata di In onda in cui era ospite la leader dei Fratelli d’Italia  si inizia discutendo animatamente del caso Sea Watch. La Meloni tirò fuori il libro scritto proprio da Parenzo intitolato I falsari, e lo accusò di aver montato ad arte alcune sue dichiarazioni, facendole dire che le nazioni che rifiutano di accogliere immigrati non dovrebbero avere i fondi Ue. Parenzo cambiò mille coloriun po’ come Fantozzi alla cena di gala . Tra una risatina nervosa e l’altra, Parenzo sembrò preso dal ballo di San Vito, e la sparò più grossa ancora, invitando la leader di Fratelli d’Italia a querelarlo: “Non l’ho ancora fatto perché mi sono accorta ora di quanto scritto” ribatte la Meloni “Ma non ti preoccupare che ci arrivo”. Più recentemente, come non ricordare l’affondo di Francesco Borgonovo ai danni di Parenzo che gli aveva detto: “Troverei un altro modo per guadagnarmi da vivere, un modo onesto” . “Si, tipo fare il pagliaccio a La Zanzara” lo asfaltò Borgonovo. Parenzo più che un giornalista sembri aspiri ad essere un pungiball.

Ilaria Paoletti

3 Commenti

  1. Ma ci state prendendo per il kulo??? Perché Parenzo è un giornalista! ?!?!? Potrebbe essere un pessimo cabarettista ma neanche nei centri sociali lo invitano perché è talmente sinistrato che hanno paura delle sue scorreggie con la bocca. Parenzo salva la reputazione (??)della tua famiglia emigra in africa e rimanici

  2. Lo sento spesso a la zanzara e mi domando se è veramente così.. Un razzista e fascista nei confronti di chi non la pensa come lui con tratti di idiozia pura e visioni fuori dalla realta.
    In compenso un falso saccente che nasconde il vuoto assoluto.

Commenta