Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 dic – Il sito hard Pornhub è in grossa difficoltà a causa dello scandalo provocato dall’inchiesta del New York Times: sulla piattaforma vi erano numerosi filmati di abusi sessuali compiuti su ragazze minorenni mai rimossi dal sito, nonostante le disperate richieste di eliminazione delle vittime. Quindi Valentina Nappi “scende in campo” per difende il sito, un’orazione un po’ pro domo sua.

Nappi “sindacalista” di Pornhub

Con fare da sindacalista, la Nappi ci sensibilizza sulla situazione dei lavoratori dell’hard, che a causa del fatto che Pornhub è stato praticamente ostracizzato, in seguito a questo scandalo, dalle maggiori società di carte di credito al mondo, non ricevono più soldi.  Mastercard e Visa hanno interrotto i loro rapporti con MindGeek, società che controlla Pornhub.  Alché la Nappi annuncia il suo ritiro con un video, dicendo che dal prossimo mese lei non riceverà più n dollaro dal sito.

Solo “bufale” su Pornhub

Ma non basta: la Nappi definisce i numerosi articoli usciti sulla faccenda come un corollario di  bufale. La pornostar campana, infatti, sostiene che i 9 milioni di video rimossi non c’entrano nulla con quelli dell’articolo del New York Times. Passa dunque a lamentare come non sia corretto il monopolio delle carte di credito e ci fa notare come nei Paesi in cui è bandito il porno, si violano i diritti umani e addirittura si “impiccano i gay”. Ma come mai Valentina nell’esplicativo video non ci dice di quali Paesi si parla? Lei, che è una crociata “all’inverso” – ovvero gioca a fare la mangiapreti con frasette scioccanti da quattro soldi – si vergogna a dire che per lo più sono Paesi islamici? Comunque, siamo certi che la Nappi tornerà a lavorare e a guadagnare  – d’altronde ormai è anche una star di Only Fans – e per un Pornhub che muore ce ne sarà senza meno un altro che nasce. Lei che è così disinvolta e bohémienne da godere (tanto per cambiare) se la cattedrale di Notre Dame prende fuoco, lei che parla di “aborto gratis per i poveri” e che lamenta di essere stata “stuprata da Salvini” sicuramente saprà cavarsela.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta