Il Primato Nazionale mensile in edicola

Berlino, 8 giu – Leon Goretzka come un Marchisio qualunque decide di rilasciare un’intervista al magazine tedesco DB MOBIL e di mettersi in posa con una discutibile canotta brandendo una bandiera con su scritto: “Kein Fußball den Faschisten“, cioè “Niente calcio per i fascisti“.



Goretzka: “Niente calcio per i fascisti”

Goreztka “anticipa” lo slogan che sarà sulla maglia da trasferta del St Pauli, club di Amburgo di seconda divisione storicamente antifascista, diventato più un brand di streetwear che una squadra. La maglia è stata resa pubblica nell’ultimo match casalingo del campionato appena finito.

Black Brain

“Spero che l’AfD perda”

Goretzka, centrocampista del Bayern Monaco e della Nazionale tedesca, gufa contro l’AfD: “Spero che alle prossime elezioni AfD perda più voti possibile”. “Queste persone pensano che il problema sia l’altro, magari il migrante. Dobbiamo parlare con loro e spiegare, perché con la conoscenza anche il populismo di destra sparirà”, pontifica il calciatore.

“Sfruttiamo la nostra popolarità”

In occasione di una raccolta fondi, Goretzka è tornato ad attaccare l’AfD: “È un partito appoggiato da gente che nega il coronavirus e che relativizza l’Olocausto. Ma viviamo in una democrazia che niente e nessuno potrà distruggere. E noi dobbiamo approfittare dell’attenzione mediatica che abbiamo per far conoscere questi argomenti e lottare pubblicamente contro di loro”. Che dire avevamo proprio bisogno dell’ennesimo miliardario come Goretzka a darci lezioni di storia e di economia e, soprattutto, di un altro famoso che dichiaratamente sfrutta la sua visibilità per fare “concorrenza sleale” a chi politica la fa davvero (come l’AfD, battuto per il rotto della cuffia dal CdU in Sassonia-Anhalt …nonostante ciò che dicono i calciatori).

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta