Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 set – Botta e risposta tra Sinisa Mihajlovic e Stefano Bonaccini. L’allenatore del Bologna – che in campagna elettorale aveva sostenuto apertamente la rivale dell’attuale governatore dell’Emilia-Romagna – qualche giorno fa aveva lodato l’esponente Pd in merito alla riapertura graduale degli stadi: “Senza Bonaccini continuavamo a farci il tifo da soli. È stato coraggioso, da come ha agito non sembra nemmeno uno di sinistra”. Parole che non hanno lasciato indifferente Bonaccini, che imbeccato da Myrta Merlino a L’aria che tira ha risposto così a Sinisa.

Bonaccini: “Sinisa è simpatico, non sembra nemmeno di destra”

“E’ troppo simpatico Sinisa. Il suo Bologna gioca veramente bene, lui è un bravissimo allenatore. La squadra gioca aperta, non si chiude mai, c’ha giocatori che arrivano da tutto il mondo… non sembra neanche uno di destra”. E’ evidente che Bonaccini avesse la similitudine pronta nel taschino, non aspettava altro che una domanda del genere per poter fare un parallelismo tra “l’apertura” e una sorta di “cosmopolitismo” sportivo del Bologna di Mihajlovic con le posizioni politico-sociali della sinistra.

Un po’ posticcia ma la risposta ci sta, visto che era stato lo stesso Sinisa ad ascrivere la qualità del coraggio alla “destra”. In ogni caso toni morbidi ed educati, molto distanti dagli insulti irripetibili e gli auguri di fare una brutta fine che molti sostenitori di Bonaccini indirizzarono a Mihajlovic in campagna elettorale, per il solo fatto di aver espresso la sua preferenza per la candidata di centrodestra. Chissà a questo punto se l’odio è di destra o di sinistra. Magari su questo può rispondere Bonaccini la prossima volta che viene ospitato da Myrta Merlino.

Davide Romano

Commenta