Roma, 23 mag – Quella di ieri è stata una giornata di sentenze per il campionato italiano: non si decideva solo lo Scudetto, finito nella bacheca del Milan, ma anche la lotta per la salvezza. A contendersi il quart’ultimo posto, e quindi un altro anno al sole, c’erano il Cagliari e la sorprendente Salernitana di Nicola, autrice di un’eccezionale rimonta. Alla fine, l’hanno spuntata proprio i granata, condannando i sardi alla Serie B. Dopo il deludente pareggio degli uomini di Agostini a Venezia, è intervenuto ai microfoni di Sky il presidente del Cagliari, Tommaso Giulini. Che, evidentemente amareggiato, ha ingaggiato un vero corpo a corpo con Fabio Caressa.

«Ci hai fatto un’infamata»

Con la sconfitta a sorpresa della Salernitana contro l’Udinese, il Cagliari avrebbe potuto salvarsi vincendo sul campo del Venezia, già retrocesso. Ma i rossoblù non sono andati oltre uno scialbo 0-0. Ed è proprio da qui che parte Caressa per formulare la sua domanda a Giulini. Che, però, prende tutti in contropiede: «Guarda Caressa, a te non rispondo, perché sei stato il primo a farci un’infamata la settimana scorsa, quindi non ho niente da dirti». Il conduttore di Sky, spiazzato, chiede chiarimenti al presidente del Cagliari, che spiega: «Lo sai benissimo quello che hai fatto. La settimana scorsa, senza verificare e chiedere niente a nessuno, hai dichiarato che il sottoscritto stava per vendere la proprietà del Cagliari. Il che non è assolutamente vero, bastava semplicemente verificare, magari chiedendo».

Giulini contro Caressa

Caressa, in evidente difficoltà di fronte all’accusa di Giulini, risponde a tono: «Io ho solo riportato una notizia che mi era arrivata ieri e che i nostri giornalisti avevano controllato. Non è un’infamata: se un giornalista ha un’informazione da alcune sue fonti, la riporta». Poi Caressa passa al contrattacco: «Giulini, se lei dice così, allora mi spiego perché quest’anno al Cagliari non sono andate tante cose». Il battibecco continua e, spazientito, Giulini abbandona l’intervista.

Il video

Gabriele Costa

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. I tre Puntin’…

    Io Manlio Amelio… Autorizzo La Mreda de : I Primati Nazionali… Solo et Esclusivamente di utilizzare da soli, in totale autonomia le mie Ballerine Anarchiche…

    Mie quelle originali senza imbrattamenti mal inchiostrati…

    Ripeto… Io autorizzo i primitivi de il giornale nazionale de I primatisti… ad utilizzare i link che io ho post-Mortem-appostato…Tutte nessuna esclusa et ad Libitum.. più o meno si scrive così…

    et I tre Puntin’…

    Unica Uncinata et Ariana Condizione…le… E’ non SCARABOCCHIARE MAI…et manco di…

    I tre Putin’…

    Ah ah… ha ah ah…

    https://telegra.ph/Guerre-Sante-ai-Tre-Puntin-05-23

    In Fede, Manlio Amelio…

  2. Infamare significa tradire gli impegni presi e non è un termine da usare a capocchia. “Meglio” indegno..

Commenta