de carolisOffenburg, 10 gen – E’ l’Italia che ancora vuole combattere e non si arrende quella rappresentata sul ring da Giovanni De Carolis, il nostro pugile 31enne romano, il quale questa notte è salito sul tetto del mondo, battendo il tedesco Vincent Feigenbutz e conquistando il titolo mondiale WBE. L’atleta italiano ha raggiunto uno storico traguardo nell’arena di Offenburg in Germania, cancellando l’ingiustizia subita nel primo match, in cui il tedesco vinse tra mille polemiche. E’ la 35esima volta che un italiano conquista il titolo mondiale, il primo fu Carnera nel 1933.

E’ stato un match affrontato in maniera a dir poco perfetta dal nostro De Carolis dal punto di vista tattico, chi ha avuto la fortuna di assistere in diretta a questo storico incontro, sarà rimasto senza ombra di dubbio estasiato dalla precisione e dalla cattiveria agonistica interpretata sul quadrato dal neocampione del mondo. Dalla sesta ripresa in poi c’è stato un solo boxeur a dettar legge. Feigenbutz, dopo aver fatto vedere qualcosina nelle due precedenti, è stato letteralmente sbriciolato dai segni della stanchezza e dal ritmo imposto da De Carolis. All’undicesimo round due ganci tutti italiani stordiscono definitivamente il tedesco e lo costringono alla sconfitta. In ogni colpo e in ogni gesto atletico era evidente la grandissima preparazione e la concentrazione messa a disposizione dall’atleta tricolore, il quale ha sempre mostrato umiltà, spirito di sacrificio e nobiltà d’animo dentro e fuori dal ring.

Dopo una vittoria così travolgente non si può far altro che gioire ed essere orgogliosi di una nazione che, nel bene e nel male, ha sempre dimostrato di poter dire la sua in una disciplina come quella dell’arte nobile. Adesso il campione, dopo la magica notte di sabato, potrebbe essere impegnato in futuro in una bella. E se si facesse a Roma?

Mauro Pecchia

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here