Il Primato Nazionale mensile in edicola

Dopo più di due mesi di essere fermato, il calcio delle principali leghe europee ritorna per continuare ad abbagliare con tutto il suo spettacolo e incredibile risultati.

Ti portiamo qui tutte le informazioni per fare confronto quote calcio.

Bundesliga

Il ritorno della Bundesliga ci vorranno i riflettori nelle prossime settimane in quanto è la prima competizione europea tra le prime cinque a tornare in attività dopo la pandemia di coronavirus. Con la corsa per la parte superiore del tavolo ancora in gioco e i punti della UEFA Champions League in discussione, le emozioni stanno in superficie.

Il 16 maggio il calcio tedesco riprende la giornata 26 con lo scontro tra Borussia Dortmund e Schalke 04.

Le autorità della Lega tedesca hanno assicurato che si giocherà sia durante la settimana che nei fine settimana. Quindi la Bundesliga sarà decisa sul campo.

Il Calcio Serie A

I club di Serie A italiani hanno concordato mercoledì 13 maggio di fissare sabato 13 giugno come data per riprendere il campionato e poter completare i dodici giorni che rimangono per la sua conclusione, purché abbiano il permesso del governo.

La tabella di marcia della serie A è chiara. Si giocherà ogni 3-4 giorni per completare i restanti 12 giorni in un solo mese e mezzo. C’è anche spazio per la ‘Coppa’: il ritorno delle semifinali (Juve-Milan e Naples-Inter) e la finale si giocherebbe su 1 e 22 luglio.

Le squadre italiane saranno già in grado di svolgere l’addestramento di gruppo a partire da lunedì 18 maggio, dopo che il governo ha approvato la scorsa settimana nuove misure sanitarie per prevenire la diffusione del coronavirus.

“Speriamo fortemente che le leghe tornino, ma è impossibile fissare una certa data in attesa di vedere come reagirà la curva nelle prossime due settimane”, ha dichiarato recentemente Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport.

La Lega

La Lega spagnola si prepara a ricominciare a giugno. Javier Tebas, presidente della Liga, ha dichiarato:

“Dobbiamo adattarci alle circostanze e abbiamo lavorato su di esse nei protocolli. Ordina quelle idee su come dovremmo agire nelle migliori condizioni senza causare danni.

Dove c’è meno rischio è nelle partite. Ciò che chiedo è di rispettare le norme sanitarie per iniziare con il minor numero di bambini infetti possibile. Avremo il pieno controllo dei giocatori. Nelle loro case chiedo loro di continuare a rispettare il protocollo

Chi dovrà convalidare il nostro ritorno al calcio è l’autorità sanitaria. Abbiamo l’obbligo di ritornare all’attività economica dopo il danno che abbiamo già subito. “

La Premier League

La Premier League potrebbe, potrebbe tornare alle attività all’inizio di giugno – con 8 o 12 come le date più possibili -, come stanno discutendo i club in gara, dopo che il governo britannico ha dato il via libera a Lo sport professionistico ritorna nel Regno Unito dal uno giugno a porte chiuse.

L’organizzazione del campeonato inglese ha ribadito in diverse occasioni l’intenzione di concludere la stagione quando sia possibile e sicura, quindi con il via libera del governo l’argomento di chiudere il campionato il 31 luglio è ora più solido.

L’agenzia ha alzato la possibilità di giocare su circa otto o dieci percorsi neutri, con l’intenzione di evitare di usare i 20 stadi del Premier, minimizzando la diffusione delle infezioni.

Allo stesso modo, ha suggerito di vietare le celebrazioni, sputare e cambiare magliette, oltre a consentire cinque sostituzioni e persino accorciare le partite.

Campionati annullati

In Europa sono già avvenute diverse cancellazioni che impediscono sicuramente il ritorno del calcio nel resto dei paesi. Il più famoso è quello della Ligue-1, il campeonato francese. Tanto la Ligue-1 come la Jupiler League Pro del Belgio sono state costrette dai loro governi a terminare la competizione e hanno proclamato i loro campioni (PSG e Bruges), oltre a governare le squadre che vanno in Europa la prossima stagione, nonché promozioni e discese per la stagione 2020/2021.

Il primo a essere cancellato fu l’Eredivisie, che invece concluse il suo campionato in modo diverso. La campagna 2019/2020 è stata dichiarata nulla. Nessun campione, nessuna promozione, nessun calo. Chi giocherà in Europa è sconosciuto a questo punto. Inoltre, ci sono due paesi che sembrano seguire le orme di questi tre campionati e cancellare i loro campionati: Russia e Scozia.

Altre leghe

La Norvegia tornerà il 16 giugno divisa in quattro gruppi in base alla vicinanza geografica. “Giocheremo avanti e indietro contro Rosenborg, Aalesunds e Kristiansund. L’idea è quella di evitare lunghi viaggi in aereo e, una volta terminata l’estate, provare a tornare alla normalità a seconda di come si evolve la pandemia”, afferma Álex Craninx, portiere del Muffa.

L’Ucraina ha già una data d’inizio non ufficiale: 30 maggio. “Ci siamo allenati per un mese. Prima in gruppi di quattro, poi cinque, dieci e da questa settimana tutti insieme. Inoltre, alla Dinamo Kiev fanno un piccolo controllo ogni giorno”, afferma Fran Sol, giocatore di Kiev

La Svizzera spera di tornare l’8 giugno con il San Gallo di Víctor Ruiz, Jordi Quintillà e Lorenzo González. “Ci stiamo preparando per il ritorno come se l’otto fosse già ufficiale. Anche se non giochiamo dopo, non succederà nulla. Dobbiamo essere pronti a fare ciò che ci piace di più”, afferma Víctor Ruiz, un giocatore di St. Gallen

Commenta