Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 gen – “Le sardine sono dichiaratamente un movimento per la sinistra. Sono in soccorso di un partito che non c’è più e hanno avuto il loro consenso”. Vittorio Sgarbi ospite di Corrado Formigli a Piazzapulita su La7 accusa il movimento nato a Bologna di essere solo un’operazione per portare voti al Pd. “Le sardine mi sono simpatiche come a tanti. Ma se tu vai a leggere bene, c’è un unico obiettivo: l’odio per Salvini“. “Mentre tu dici che non vuoi odiare, odi lui, Salvini”, dice Sgarbi a uno dei leader del movimento, Lorenzo Donnoli. “Non ci sono sardine di destra, benissimo. Non è questo il punto, non puoi parlare – se vuoi fare un partito – di sardine. Io penso a Benedetto Croce, a Gramsci, a Gobetti, penso ad Einaudi, a de Gasperi. Qual è l’idea delle sardine? Vuoi darmi un’idea, vuoi darmi una visione? Oppure voi siete solo sardine, ‘siamo buoni, siamo delicati, mangiamo gli anolini’. Ma che roba è? Contro Salvini gli anolini?”

Sgarbi incalza la sardina: “Quale è la sua identità ideologica”

Mi dica quale è la sua identità ideologica, cosa pensa, quali sono i suoi riferimenti? Io i miei li conosco” A quel punto Formigli suggerisce alla sardina: “Ne vuoi dire almeno uno?” e Donnoli risponde: “Attuale? Sul presente, per esempio Liliana Segre“. E Sgarbi subito coglie la palla al balzo: “A cui il sindaco di Ferrara (il leghista Alan Fabbrindr) ha dato la cittadinanza onoraria”. E la sardina obietta: “Ma quella è stata una sceneggiata…”. E Sgarbi non ci sta: “Quelle degli altri sono sempre sceneggiate. La verità è che lui è più antifascista di te”. “La Segre non è solo delle sardine”.

“Commissione Segre ennesima commissione inutile”

E quando Donnoli fa presente che se la Segre è di tutti, come mai l’opposizione non ha votato per la commissione che porta il suo nome, Sgarbi sbotta: “Il Parlamento è pieno di gente inutile, che sta in commissioni inutili. E la commissione Segre è un’altra commissione inutile“. “Non sono d’accordo”, ribatte Donnoli. “Non sei d’accordo per opportunismo”, conclude Sgarbi.

Adolfo Spezzaferro

Commenta