Il Primato Nazionale mensile in edicola

Al momento dell’acquisto di un nuovo profumo, una delle prime domande che ci preoccupa è su come correttamente e quanto tempo conservarlo.



In effetti, la data di scadenza stampata sulla confezione è solo una formalità. Sugli scaffali di alcuni negozi possiamo trovare profumi che non vengono prodotti da più di 10 anni, ma non hanno perso le loro proprietà aromatiche. Pertanto, non è un problema che la data di scadenza indicata sulla confezione è scaduta. Puoi ancora usare questo profumo e non ci saranno effetti negativi.

Black Brain

Insieme ai profumieri di Yves Saint Laurent, scopriamo come e quanto tempo conservare correttamente un profumo.

La maggior parte delle fragranze che acquistiamo ha una data di scadenza da tre a cinque anni. Ma tieni presente che questa data di scadenza è indicata per i profumi che si trovano in una confezione sigillata. Una volta aperto, la durata di conservazione è sicuramente più breve. Da 36 a 48 mesi. Onestamente, anche dopo questo tempo, puoi ancora usarli. Non influenzeranno negativamente la tua pelle. La cosa più importante è conservarli correttamente.

C’è un altro punto importante. Ad esempio, alcuni produttori non indicano sempre la data di scadenza. Lo crittografano in uno speciale codice batch e un codice a barre. Ed è in questo codice che si trovano le informazioni sulla data di produzione, la data di scadenza e l’autenticità della fragranza.

Come puoi decifrare questo codice?

Prova a determinarlo tramite servizi speciali (funzionano gratuitamente). Si chiamano calcolatrici “cosmetici”. Basta inserire questo codice nel campo richiesto e mostrerà le informazioni sul profumo. Per decifrare il codice a barre, ci sono servizi simili. Questa decodifica ti permetterà di scoprire il paese dell’impresa e anche l’originalità del profumo.

Periodo di validità dei profumi in olio, ai feromoni e delle colonie

Profumo in olio. Questo tipo di profumo si forma mescolando un olio base e un olio essenziale. L’olio base viene estratto dalle vinacce di piante e fiori. La differenza più importante rispetto al profumo da toilette è l’assenza di alcol e sostanze chimiche.

I componenti principali nei profumi in olio possono essere: muschio, rosa, spezie, ambra e altri.

Per quanto riguarda la persistenza e la conservazione degli profumi in olio, qui puoi trovare molti vantaggi. Vengono conservati a lungo, circa diversi anni. Inoltre, sono molto economici perché uno o due spruzzi sono sufficienti per più di 12 ore.

Profumo ai feromoni. I feromoni sono qualcosa di insolito e sorprendente nel mondo della profumeria. Tali profumi sono apparsi negli anni ’90 negli Stati Uniti.

Non esiste una risposta definitiva sulla durata di conservazione dei profumi con feromoni. Di per sé, questo tipo di profumo è abbastanza specifico, in cui esistono oli essenziali e aromatici. Ad esempio, di agrumi o di frutta. Ma il componente principale di questi aromi sono i prodotti della secrezione esterna che alcune specie di animali espellono.

Colonia. Molti hanno probabilmente sentito parlare delle acque di colonia che usavano i nostri nonni e che erano abbastanza adatte all’uso. Vogliamo aggiungere che non si tratta solo di colonie. In linea di principio, qualsiasi profumeria può essere conservata per un tempo piuttosto lungo, più lungo della durata di conservazione indicata sulla confezione.

Pertanto, l’acqua di colonia, l’eau de toilette o l’eau de parfum possono essere conservate per un anno, due o più. Devi solo seguire le regole di conservazione, di cui parleremo più avanti.

Regole di conservazione

– Conserva il profumo al buio. Ti consigliamo di conservare i profumi in un luogo fresco e buio. Ma non in frigorifero. Se esposte alla luce solare insieme all’aria secca, le sostanze aromatiche entrano in reazioni chimiche tra loro e si verifica un processo di decomposizione delle sostanze aromatiche. Ed è possibile che in una situazione del genere il tuo profumo acquisisca un aroma innaturale.

– Limita l’apporto di ossigeno. Ci piace fare paragoni con il vino. Immagina di lasciare una bottiglia di vino rosso aperta per una settimana. Trascorso questo tempo, avrà luogo il processo di ossidazione e sentirai che qualcosa non va nel gusto. Anche con i profumi. Per evitare una situazione del genere, ricorda di chiudere bene il tappo dopo l’uso in modo che l’ossigeno non reagisca con il profumo.

– Non dimenticare dell’umidità. Il profumo ha bisogno di un moderato livello di umidità. Pertanto, non consigliamo di conservare il profumo in bagno. Può diventare molto umido e caldo lì dentro, il che non farà bene al tuo profumo. L’elevata umidità può causare un processo distruttivo. Come abbiamo detto nel primo punto, una mensola nell’armadio sarebbe un ottimo luogo di stoccaggio, dove la luce solare non entrerà.

– Rispetta la temperatura corretta. La temperatura di conservazione ideale è di 16-21 gradi. Se la temperatura è più alta, c’è il rischio che il profumo cambi l’aroma. Potrebbero esserci note completamente innaturali che possono rovinare la fragranza.

Se segui queste regole di base, il tuo profumo rimarrà “ben profumato” molto più a lungo di quanto indicato sulla confezione.

Infine, un suggerimento bonus 🙂 Quando acquisti un profumo, non affrettarti a comprarlo subito. Puoi testare il profumo. Fai un paio di spruzzi al polso e aspetta per circa 20 minuti Se il profumo ti piace e rimane fermo, sentiti libero di acquistarlo.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta