Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 giu — Baci solo tra vaccinati e balli a distanza di un metro uno dall’altro: è questa l’entusiasmante estate che il professor Fabrizio Pregliasco suggerisce per i giovani italiani.

Sangue di Enea Ritter

Pregliasco: “Baci e discoteca? Una roulette roussa”

Non paghi di dettar legge su chiusure, obblighi vaccinali, mascherine e restrizioni, ora i cosiddetti esperti pretendono di dettar legge anche sulle pomiciate degli adolescenti. Decisamente non deve essere una passeggiata avere meno di 20 anni in tempo di Covid, con il direttore sanitario dell’Irccs Istituto ortopedico Galeazzi di Milano che parla di baci e discoteche definendoli «una roulette russa in entrambi i casi, e i baci comunque si dovrebbero dare solo tra chi ha fatto entrambe le dosi del vaccino». Addio alle fregole adolescenziali e all’esplorazione romantica fra ragazzi, c’è da pensare al virus e ad esibire il green pass al primo appuntamento.

Black Brain

In discoteca a distanza

Intervenendo alla trasmissione di Rai Radio1 Un giorno da pecora, Pregliasco rompe le uova nel paniere anche a chi aspetta da otto mesi di potersi scatenare nelle danze più sfrenate. «Con il ballo si sta vicini, si aumenta la frequenza respiratoria, c’è l’affollamento. Insomma, non è una buona situazione. Per ballare si dovrebbe stare a distanza di più di un metro e quindi essere pochi in pista». Si ritorni quindi alle atmosfere delle quadriglie in stile Via col vento! O forse anche in quel caso il professore avrebbe da obiettare. Del resto, sottolinea Pregliasco, «Oggi abbiamo 192mila positivi censiti, e il valore reale dei contagiati corrisponde presumibilmente al doppio. Sono soggetti che possono essere contagiosi. Non si può mollare la presa proprio ora». 

La soluzione, come sempre caldeggiata dai guru della pandemia, è vaccinare a tappeto. E se tutto procede secondo i piani, «con un incremento del 15-20% delle somministrazioni, nel giro di qualche mese potremo aspirare ad avere più libertà, e potremo magari togliere la mascherina all’aperto». Magari, forse, potremo. Dipende se i nostri ragazzi saranno in grado di placare i bollenti spiriti o meno. 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. Ragazzi(è un modo di dire).. queste trovate farebbero PENA e RIDERE se non ci fossero i boccaloni covidioti che ci credono veramente. (Premetto che per covidioti non intendo chi vuole curare malattie come si è sempre fatto.. ma soprattutto chi crede a ogni stronzata vomitata da quegli ambienti della propaganda MaINsTream).
    Dico solo una cosa per fare ragionare: dei poliziotti che fermano chi si bacia per vedere se è vaccinato o no.. non si vedono nemmeno nel romanzo orwelliano più cupo esistente al mondo. Non è come controllare un documento prima di un volo.. non diciamo fesserie.
    Va bene che siamo in dittatura sanitaria.. ma credere a questo significherebbe essere davvero degli ASINI.
    è ovvio che chi considera il suo popolo spazzatura stupida, come chi impone regimi del genere, possa pensare di raccattare qualche “vaccinato in più=interessi economici”, spargendo cazzate come questa.
    Chiedo a chiunque però di usare il buonsenso: nessun controllo del genere verrà mai fatto(anche se ci dovessero provare sarebbe una burla). è impossibile a livello pratico. Non facciamoci prendere per il culo ancora di più di quanto non lo facciano già.
    Esattamente come se verrà tolto l’obbligo per la mascherina all’aperto varrà (in pratica per tutti) vaccinati e non.. è impossibile usare migliaia di agenti e fermare milioni di persone che camminano per la strada, senza mascherina dopo l’abolizione del divieto, per vedere se sono vaccinati oppure no..
    checchè ne dicano Fauci o amici…
    Fra l’altro il 99% delle persone di buon senso, in un luogo isolato, la mascherina non la portano già adesso, non cambierebbe granchè.. in quanto sarebbe inutile e dannoso.

    Chi farebbe il lavoro dei poliziotti? chi difenderebbe “anche” certi lestofanti del parlamento e i loro amici?
    Loro(i ranghi alti dittatura) pensano che abbiamo tutti l’anello al naso.. ma così non è.. non facciamoci prendere per scemi, almeno! Ridetegli in faccia quando fanno certe proposte.

  2. Dimenticavo. Capitolo ballo: nelle scuole di ballo si balla già. Non serve nessun vaccino per farlo. Questo vale sia per il ballo di coppia che per quello singolo. Si chiama ballo sportivo. Certo esistono delle precauzioni, mascherine in certi casi con estranei o per alcuni tipi di ballo.. ma non è vero, come molti pensano che non si possa ballare (in assoluto). Già adesso. Sinceramente tutti questi ammalati negli ambienti di ballo non se ne è mai sentito parlare.. nonostante la pratica del ballo si faccia già. Ci saranno dei casi come altrove.. ma sicuramente non è “più pericoloso” che stare in certi mezzi pubblici, nei quali non hanno messo nemmeno i distanziatori sulle sedie e davvero la gente si accalca.. decine di sconosciuti tutti ammassati..
    Chi controlla?
    Non ho mai visto nessuno controllare le distanze fra le persone su un bus o altro.. se devo essere sincero, almeno qui al nord, dalle mie parti. Se interessasse veramente controllare un presunto virus.. è da qui che partirebbero.
    Non facciamoci prendere in giro(per la seconda volta).

  3. Ci manca poco al vaccino + bromuro o similari. Siamo sempre più verso il controllo e la negazione del vivere altrui! Motivino come meglio ritengono ma ci hanno preso davvero gusto a farsi disgustare. Razionalisti di comodo!

  4. Queste persone vanno assimilate ai cattivi maestri che armavano il terrorismo rosso e nero degli anni di piombo, sono cripto e para mafiosi come discorsi : un estortore della ‘ndranghtea neanche si avvicina alla semantica dittatoriale di questi “Nouvelle Stalin” de noantri!

  5. Il simaptico nuovo mondo “fattoriale”…..: “Alexa che devo fare oggi?” -“Semplice schiavo , accendi netflix e col sorriso inoculati 1,2,3, 100 sieri dell’amore ” …”Ah ok, sara’ fatto Mein Fhurer Alexa-Bezos”

  6. L’ostinazione con la quale questo omuncolo cerca di scacciare e proiettare esternamente l’ossessiva frustrazione per la propria micropenìa e/o impotenza, ha un qualcosa di tenero e finanche simpatico…

Commenta