Reggio Emilia, 22 lug – Claudio Foti, lo psicoterapeuta della onlus Hansel e Gretel di Torino, al centro dell’inchiesta sugli affidi illeciti dei carabinieri denominata Angeli e Demoni è ora indagato anche per maltrattamenti nei confronti della moglie e dei figli.

Anche la moglie agli arresti domiciliari

Secondo quanto riporta Ansa, all’accusa di maltrattamenti si è pervenuti ascoltando intercettazioni fatte per altri reati relativi all’inchiesta di Bibbiano; nello specifico, Foti si sarebbe speso in minacce ed avrebbe avuto un atteggiamento aggressivo nei confronti della moglie, Nadia Bolognini. Anche la Bolognini è indagata nella medesima inchiesta dell’ex marito ed è finita agli arresti domiciliari. La stessa misura, disposta anche per lo psicoterapeuta Foti, è stata a lui revocata dal Riesame. Ora è sostituita con un obbligo di dimora nel comune di Pinerolo.

“Personalità violenta”


Il nuovo fascicolo per maltrattamenti verrà probabilmente stralciato dal Tribunale emiliano e verrà mandato per competenza in quello del Piemonte. Anche nell’ordinanza del Gip si faceva riferimento ai maltrattamenti in famiglia perpetrati da Foti nei confronti dei suoi cari; lo psicoterapeuta della Hansel e Gretel veniva infatti definito  “portatore di una personalità violenta e impositiva”. Oltre alla indagine attorno ai servizi sociali di Bibbiano ed al giro di affidi illeciti che avrebbero perpetrato, Foti è coinvolto anche nell’inchiesta Veleno relativa ad un presunto giro di pedofili nella Bassa Modenese che, come per l’Emilia, ha fatto sì che sulla scorta di false accuse di abusi i bambini venissero tolti alle loro famiglie nonché nel caso della famiglia Ferraro, che nel 1996 si  è suicidata dopo essere stata accusata di pedofilia nei confronti dei due nipotini.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Ha proprio la faccia tipica del sinistro, di chi si sfoga con i più indifesi e non riesce a reprimere (e risolvere) la propria frustrazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here