RAPINA-VIA-GARIBALDI-ARRESTIBolzano, 15 nov – Tre arresti, tre ordinanze di divieto di dimora nel Comune di Bolzano e un soggetto tuttora ricercato. Questo l’esito dell’attività investigativa della Questura di Bolzano che ha rintracciato sei afgani richiedenti asilo che lo scorso 27 ottobre hanno preso di mira e rapinato di 2.000 euro il gestore del negozio «Western Union» di via Garibaldi nel pieno centro bolzanino.

I tre arrestati sono Faisal Hotak, Kalhan Alukozle e Said Shirzad tutti di età compresa tra i 20 ed i 26 anni con precedenti a carico definiti anche ‘pesanti’ (così come confermato dalla Questura) e senza fissa dimora.

Secondo gli inquirenti, il capo banda era Faisal Hotak, ritenuto anche il soggetto più pericolo tra i sette componenti. Questo, assieme a Kalhan Alukozle, dopo la rapina a Bolzano si è dato alla fuga dirigendosi verso il sud Italia. La polizia li ha scovati tra Bolzano e Roma, dove si erano rifugiati.

La sera della rapina, la banda, dopo aver messo a segno il colpo, è tornata sul posto circa un’ora dopo scatenando una rissa con un gruppo di pakistani. In quell’occasione un giovane straniero è stato accoltellato arrivando all’ospedale di Bolzano in gravissime condizioni.

Mirco Minisini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here