Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 6 lug – L’impennata di coronavirus, evocata sin troppo a sproposito negli ultimi giorni da alcuni osservatori, non c’è. In Italia la situazione è complessivamente stabile e l’incremento di casi rispetto a ieri non così significativo. Per l’esattezza oggi sono stati rilevati 208 nuovi positivi, ieri erano stati 192. I decessi confermati nelle ultime 24 ore sono 8, ieri erano stati 7. In totale in Italia, dall’inizio dell’epidemia, sono morte 34.869 persone.

I malati, ovvero gli attualmente positivi, sono 14.709. Mentre i guariti di oggi sono 133. Al solito, la gran parte dei nuovi casi, è stata rilevata in Lombardia. Nella regione italiana maggiormente colpita dal virus nelle ultime 24 ore sono stati individuati infatti 111 nuovi positivi. Nessun caso rilevato in dieci regioni italiane. I pazienti ricoverati con sintomi in ospedale sono 946. In terapia intensiva si trovano 72 persone.

Questi i dati regione per regione

Lombardia 94.527 (+111); Emilia-Romagna 28.675 (+38); Campania 4.746 (+27); Lazio 8.205 (+19);Piemonte 31.429 (+6); Toscana 10.287 (+2); Liguria 10.001 (+2); Veneto 19.327 (+1); Sicilia 3.095 (+1); Sardegna 1.371 (+1); Marche 6.790 (nessun nuovo caso); Friuli-Venezia Giulia 3.326 (nessun nuovo caso); Abruzzo 3.309 (nessun nuovo caso); Puglia 4.536 (nessun nuovo caso); Umbria 1.447 (nessun nuovo caso); Provincia di Bolzano 2.647 (nessun nuovo caso); Calabria 1.183 (nessun nuovo caso); Sardegna 1.371 (+1, +0,1%); Valle d’Aosta 1.196 (nessun nuovo caso); Provincia di Trento 4.873 (nessun nuovo caso); Molise 445 (nessun nuovo caso); Basilicata 404 (nessun nuovo caso).

Alessandro Della Guglia

1 commento

  1. Ancora tanti italiani sono convinti che c’è in giro un rischio mortale quando è stato un normalissimo virus influenzale stagionale che ha colpito anziani già malati nel 96% dei casi.Alle elites questa dittatura sanitaria,fatta con molte morti falsamente attribuite al virus e con test nella metà dei casi falsi positivi, è servita per incarcerarci, indebitarci al fine di schiavizzarci e comperare il paese a 2 lire.E tanti italiani che si nascondono terrorizzati dietro ad una mascherina impauriti dei loro connazionali, sono convinti che chi non la mette è un egoista(un mese fà era l’ 80% che la pensava cosi).Il popolo italiano, di cui avevo grande stima,è oramai ridotto ad una larva di quello che era e quasi totalmente assoggettato a poteri occulti mondialisti e immigrazionisti che vogliono la fine della nostra identità