Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 mag – Il coronavirus non è sparito ma rallenta ancora. E questa è una buona notizia, che emerge dai dati forniti oggi dalla Protezione Civile. Resta lo spauracchio di un nuovo eccessivo aumento dei casi, agitato da sin troppe Cassandre, ma i numeri al momento sono confortanti. Certo, i morti sono ancora tanti eppure in netto calo rispetto alle settimane passate: nelle ultime 24 ore sono stati confermati 70 decessi, dunque torniamo sotto quota 100. La cattiva notizia riguarda semmai il nuovo aumento di contagi, da tre giorni, in Lombardia. Sì perché dei 593 tamponi positivi rilevati in Italia, ben 382 sono stati rilevati in Lombardia: 64,4% dei nuovi contagi totali.

Nelle altre regioni più colpite dal coronavirus questi i numeri di oggi: 58 casi in Piemonte, 74 in Emilia Romagna, 21 nel Lazio, 16 in Liguria e 12 in Veneto. Nessun caso rilevato in quattro regioni: Basilicata, Calabria, Sardegna e Umbria. Nessun decesso in otto regioni: Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Molise, Umbria, Calabria, Basilicata, Sardegna e Sicilia.

Tutti i dati di oggi

Decessi: oggi sono morte come detto 70 persone, ieri le vittime erano state 117. In totale in Italia dall’inizio dell’epidemia i decessi sono 33.142

Guariti: nelle ultime 24 ore sono guarite 3.503 persone, più di ieri quando erano state dichiarate guariti 2.443 persone. In totale in Italia i guariti, dopo aver contratto il coronavirus, sono 150.604

Ricoverati: ancora in calo i pazienti ricoverati in ospedale. Scendono sotto quota 500 le persone in terapia intensiva, dove oggi si trovano per l’esattezza 489 pazienti: -16 rispetto a ieri. Con sintomi sono invece ricoverate 7.379 persone, 350 in meno rispetto alla giornata di ieri. Mentre in isolamento domiciliare si trovano 40.118 persone, anche in questo caso netto calo: -2.614 rispetto a ieri.

Malati: netto calo delle persone attualmente positive. Oggi -2.980, ieri -1.976. In leggero aumento i nuovi positivi: 593, ieri 584.

Come al solito però i dati sui nuovi contagi vanno analizzati in base al rapporto tra tamponi effettuati e casi individuati. Oggi in Italia sono stati fatti 75.893 tamponi, più di ieri quando ne erano stati fatti 67.324. Il rapporto tra tamponi effettuati e casi individuati è di 1 malato ogni 128 tamponi: 0,8%. Situazione quindi del tutto stabile.

Alessandro Della Guglia

2 Commenti