Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 3 apr – Fino a che punto può spingersi la mannaia ideologica dell’ottuso antifascismo? Difficile dirlo, a riguardo ormai non riusciamo a stupirci più di nulla. Ma la pensata del Comune di Parma supera anche le più nefaste previsioni, perché forse neppure le menti visionarie della letteratura distopica sarebbero riuscite a prefigurarci una discriminazione ideologica in piena pandemia. E invece la giunta guidata dall’ex grillino Pizzarotti ci è riuscita, partorendo una discriminazione tanto inaccettabile quanto puramente delirante. Prova ne è che un cittadino italiano in difficoltà economica e residente a Parma, è costretto a dichiararsi antifascista se intende far domanda per ottenere i buoni spesa previsti dal governo ed erogati dal Comune in via emergenziale per venire incontro a chi adesso non riesce ad acquistare neppure generi alimentari.

Sì, avete capito bene, e se siete residenti nel comune emiliano potete tranquillamente fare una prova. Vi basterà andare sul sito del comune a questo indirizzo e iniziare a compilare l’apposito modulo per i buoni spesa. Come segnala sulla propria pagina Facebook Emanuele Bacchieri, di CasaPound Parma, “in pochi semplici passaggi si arriva alla pagina finale, dove sono riportate le condizioni a cui l’erogazione dei buoni è vincolata. E….Sorpresa! IL BOLLINO ANTIFASCISTA È ANCHE QUI! Quindi chi non si allinea al pensiero unico per il sindaco Pizzarotti può tranquillamente morire di fame? ALLUCINANTE!”.

Il modulo per ottenere i buoni spesa

Ma leggiamo bene cosa dovrebbe dichiarare ad esempio, secondo il Comune di Parma, una persona in difficoltà che ha bisogno di un buono spesa: “Di ripudiare il fascismo”, “di non professare e fare propaganda di ideologie xenofobe, razziste, sessiste” e “di non compiere manifestazioni esteriori di carattere fascista e/o nazista, anche attraverso l’utilizzo di simbologie o gestualità ad essi chiaramente riferiti”.

Incredibile, ma purtroppo vero. Come fa notare CasaPound Italia, sulla propria pagina Facebook, è un po’ come dire: “Se non ti dichiari antifascista, non mangi”. Cpi chiede di conseguenza le “dimissioni di Sindaco e Giunta” che “dopo questa assurda trovata dovrebbero a questo punto essere il minimo”. Il minimo davvero, perché servirebbero al contempo pronte scuse a tutti coloro che in un momento di drammatica difficoltà economica si sono trovati davanti anche questa indegna “selezione antifascista”.

Alessandro Della Guglia

15 Commenti

  1. Il VERO VOLTO del Comunismo… Dopo quello che avete visto in giro per il Mondo avevate dubbi? Fra l’altro una risoluzione “Europea” equipara il Fascismo, il nazismo e il comunismo, ma di quest’ultimo nel moduletto parmigiano non c’è traccia.

  2. Il peggior virus é la Coglionaggine… ed è pure contagiosa. Che dire di più…. Chissà il virus cosa ne pensa… io credo che ci penserà lui a far giustizia, se non si schiferà di contagiarli.

  3. Una dichiarazione come questa,che reca con sè il “fumus persecutionis” del pensiero e la modalità con la quale si chiede di sottoscriverla,a mio parere,non l’avrebbe ideata neanche un sindaco comunista.Non solo,vi è in essa,implicita, l’aggravante della condotta ricattatoria in presenza di emergenza sanitaria nazionale,nonché di critiche condizioni di sopravvivenza di una parte non trascurabile del popolo italiano. Si tratta di un obbrobrio che dobbiamo conservare nella memoria e vi prego di diffonderlo il più possibile nei canali di comunicazione.Configura anche,a mio modestissimo,avviso un’azione penalmente rilevante.

    Micu G. dalla terra di ‘nduja

  4. Una dichiarazione come questa,che reca con sè il “fumus persecutionis” del pensiero e la modalità con la quale si chiede di sottoscriverla,a mio parere,non l’avrebbe ideata neanche un sindaco comunista.Non solo,vi è in essa,implicita, l’aggravante della condotta ricattatoria in presenza di emergenza sanitaria nazionale,nonché di critiche condizioni di sopravvivenza di una parte non trascurabile del popolo italiano. Si tratta di un obbrobrio che dobbiamo conservare nella memoria e vi prego di diffonderlo il più possibile nei
    canali di comunicazione.Configura anche,a mio modestissimo,avviso un’azione penalmente rilevante.

    Micu G. dalla terra di ‘nduja

  5. Questa, è la stessa dichiarazione, che fanno firmare anche per la richiesta di un semplice Passo Carrabile. Mi chiedo, adesso come allora, quando lessi la notizia, ma io, che ho un vistoso richiamo, tatuato sull’avambraccio, all’ideologia nazista, se mi dovessi recare d’estate a fare richiesta per qualcosa al comune di Parma, verrei quindi discriminato, per manifestazione esteriore inerente al nazismo? Di conseguenza, non otterrei quanto mi spetta perché riconosciuto come avversario politico? Abito nella stessa regione, per fortuna qui, in Romagna, sembrano essere persone dotate di ” Grano Salis ” e nessuno si è ancora permesso di muovermi delle critiche. Certo visto l’epoca in cui viviamo, dominati dalla dittatura del Politicamente Corretto, qualche pensiero preoccupato inizio a farlo. Questi poi, sarebbero, coloro che non odiano, però, disprezzano chi non condivide il loro punto, (malsano), di vista. Ovviamente, non vedrete mai, in nessun dibattito televisivo, affrontare l’argomento, il Regime che ammorba l’informazione, può solo occuparsi di facezie riguardanti immigrati e omosessuali, queste non sono emergenze discriminatorie…

  6. in Lombardia 15 giorni per costruire un ospedale. Quanti giorni per costruire delle fosse comuni per i rinnegati, traditori e psicolabili. BOIA CHI MOLLA!

Commenta