Il furto in abitazione è da sempre una delle tipologie di reato più diffuse, e in Italia purtroppo questi episodi non sono affatto inconsueti.



Consultando le cronache, magari leggendo un giornale online oppure guardando un telegiornale, capita spesso di sentire di furti domestici particolarmente cruenti, in cui i criminali non si fanno scrupoli di commettere delle violenze nei confronti delle povere vittime.

In molti si chiedono: ma i furti in abitazione sono in aumento oppure no? I media danno una visione distorta della realtà, oppure il nostro paese è davvero a rischio da questo punto di vista?

Cosa dicono le statistiche ufficiali

Per rispondere a questa domanda è possibile visionare le statistiche fornite dall’Istat: l’istituto statistico merita di essere considerato una fonte autorevole al 100%, dunque scopriamo quali sono stati i trend che hanno riguardato l’Italia negli ultimi anni.

Istat mette a disposizione le statistiche degli anni compresi tra il 2015 e il 2018, dunque ancora non si può conoscere il dato riguardante il 2019, scopriamo subito, dunque, qual è il quadro che emerge.

Premesso che i numeri riportati fanno riferimento ai soli furti domestici che sono stati denunciati dalle vittime, dunque il numero reale potrebbe essere ancor più elevato, nel 2014 si sono verificati 255.886 crimini di questo tipo, nel 2015 234.726, nel 2016 214.053 e ancora 195.824 nel 2017 e, infine, 191.374 nel 2018.

Gli episodi calano, ma le cifre continuano ad essere preoccupanti

Il numero di furti domestici è dunque stato protagonista di un calo costante e l’auspicio, ovviamente, è che questo trend si possa confermare negli anni a venire, tuttavia i numeri restano comunque altissimi ed è evidente il fatto che nessuno possa permettersi di abbassare la guardia dinanzi a questa minaccia.

Questo, ovviamente, implica diverse cose: sicuramente sarebbe opportuno che si incrementasse la sicurezza a livello generale, magari dando maggiori risorse alle Forze dell’Ordine oppure potenziando i sistemi di videosorveglianza sulle strade pubbliche, dall’altro anche il cittadino deve essere responsabile e deve proteggere al meglio la propria casa.

Oggi non è affatto necessario spendere delle grosse cifre per mettersi al riparo da brutte sorprese, scopriamo subito dunque quali sono gli aspetti che più influiscono sull’effettiva sicurezza di un immobile.

Proteggere l’abitazione con porte blindate e infissi

Anzitutto è fondamentale che l’abitazione venga protetta con una porta blindata: i modelli disponibili in commercio sono tantissimi, molti dei quali sono peraltro di gran pregio estetico e tecnico, e non mancano affatto le porte contraddistinte da un rapporto qualità-prezzo molto vantaggioso.

Sarebbe un grosso errore trascurare la qualità dei serramenti, soprattutto laddove la casa sia posizionata a pianterreno o comunque ad un piano basso: molti furti avvengono proprio perché vengono violate finestre e portefinestre, dunque bisogna premunirsi anche in tal senso.

Molte aziende del settore, come ad esempio puntosicurezzacasa.it, propongono dei modelli che associano alle loro caratteristiche tecniche principali anche delle ottime capacità antieffrazione.

I moderni sistemi antifurto

Oggi anche la tecnologia è in grado di dar manforte alla sicurezza domestica, in molti modi diversi.

I sistemi antifurto sono tantissimi e in questo settore si sono registrate molte novità, si pensi ad esempio agli impianti antifurto “a nebbia”, i quali emettono una fitta nebbia negli ambienti facendo scappare immediatamente il malvivente e rendendogli impossibile il compimento del furto, non sono da meno inoltre gli antifurti domotici, gestibili e controllabili da remoto tramite delle apposite App.

Il rischio di essere vittime di un furto domestico, come visto, non può essere escluso da nessuno, né da chi vive in condominio tantomeno da parte di chi ha un’abitazione indipendente.

Dal momento che, come confermato dalle statistiche, questi reati sono assai diffusi, investire una piccola somma per incrementare i livelli di sicurezza della propria abitazione non può che essere una buona idea.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta