Il Primato Nazionale mensile in edicola

La pattumiera, nonostante abbia forse l’ingrato compito di ospitare l’immondizia, è uno degli elementi fondamentali per rendere funzionale l’ufficio. È per questo motivo che è importante scegliere bene la pattumiera e posizionarla nel posto giusto. Una volta la pattumiera era un cestino unico e semplicissimo dove si buttava di tutto.

Oggi le cose però sono cambiate perché c’è la raccolta differenziata e le esigenze si sono moltiplicate. Al momento della scelta vanno tenute quindi in considerazione diverse cose così da scegliere “il”, o meglio “i”, bidoni giusti. Le tipologie e le dimensioni in commercio sono tantissime. Si va dai modelli più easy a quelli più tecnologici, da quelli più piccoli a quelli più grandi. Cambiano i materiali e cambiano anche il numero di vasche di contenimento.

Prima di sfogliare quindi i vari modelli di pattumiera, quindi, bisogna pensare che genere di rifiuti si producono e la quantità. Ad esempio se si sa che non si usa il vetro, si potrebbe anche pensare di non mettere un bidone per il vetro e così per altro. Di norma la base prevede comunque almeno un bidone per il residuo, uno per la plastica e l’alluminio e uno per la carta.

Uno dei modelli più usati: pattumiera a pedale con basculante

I modelli fra cui scegliere, come detto, sono diversi. Ognuno di essi ha dei pro e dei contro. Uno dei modelli più acquistati ed usati in ufficio (e in realtà non solo in ufficio) è la pattumiera in acciaio inox a pedale con basculante Questo tipo di prodotto è molto apprezzato specialmente, ma non solo, in luoghi dove convivono più persone.

Questo tipo di pattumiera, infatti, è sicuramente quello che garantisce più degli altri igiene e pulizia. Il coperchio basculante che si aziona con il pedale consente di non toccare nemmeno il bidone quando si getta qualcosa: due perni nella parte posteriore della pattumiera azionano infatti un’asticella di metallo che solleva il coperchio. Tali modelli sono disponibili anche per la raccolta differenziata, quando all’apertura si presentano all’utente le tre vasche distinte. In pochi secondi quindi si fa il proprio dovere di differenziazione dei rifiuti senza alcuna fatica.

L’utilizzo dell’acciaio inox garantisce l’avere un prodotto durevole, solido a lungo, nonché elegante. Le forme sono svariate, cosicché si possa scegliere quella più adatta allo stile dell’ufficio.

Le pattumiere automatiche

Per chi non bada a spese ci sono anche le pattumiere automatiche: sofisticate ma funzionali. Il coperchio in questi modelli si aziona grazie a un sensore a infrarossi. Al movimento della mano davanti al sensore il coperchio si solleva automaticamente: ecco che in questo caso non si tocca il bidone nemmeno con il piede.

In molti criticano questo tipo di bidone perché “lento”: fra la rilevazione del movimento, l’apertura del coperchio e il gettare il prodotto nel bidone, infatti, intercorrono alcuni secondi, per alcune persone, troppi. Anche in questo caso i materiali a disposizione sono diversi: è chiaro comunque che l’acciaio inox resta sempre il migliore, sia per lo stile che per l’efficienza.

Commenta