Rom, 1 lug — Giovani immigrati e criminalità. Mentre la sinistra nostrana dagli occhi luccicanti prova a scodellarci nel piatto la legge sullo ius scholae, «battaglia di civiltà», panacea di tutte le tensioni sociali — si è visto, infatti, come il modello francese abbia giovato alle tensioni sociali d’Oltralpe — il quotidiano Libero snocciola un’entusiasmante serie di numeri sulla criminalità in Italia e quanto essa sia legata a doppio filo con le fasce più giovani degli stranieri che vi soggiornano. Spoiler: le minoranze portatrici di culture identitarie e al contempo difficilmente assimilabili alla nostra non ne escono benissimo. E sicuramente regalare la cittadinanza italiana a questi individui — senza che se la siano meritata attraverso un percorso di «buona cittadinanza» — non mitigherà questo scollamento dal nostro tessuto sociale e il sentimento di avversione verso la nostra cultura.

Giovani immigrati e odio verso la società occidentale

Libero esordisce con un sondaggio, condotto da Ifop per l’Istituto Montaigne, in cui viene stimato che il 50% dei musulmani francesi «di età compresa fra i 15 e i 25 anni vorrebbe sostituire la sharia alla costituzione francese». Numeri corroborati da un ulteriore rapporto del 2018 presentato dal saggista Hakim el Karoui, in cui il 32% degli studenti di fede islamica intervistati professa una visione assolutista della religione. Se si attraversa la Manica le statistiche non migliorano: secondo un sondaggio compiuto da autorità statali nel 2018 e citato dalla Fondazione CDdf «il 23% degli immigrati musulmani inglesi ritiene che si debba applicare la sharia nelle loro comunità, mentre il 32% chiede la pena di morte per chi offenda Maometto».

I numeri italiani

Arriviamo finalmente in Italia. Prima di iniziare, alcuni numeri per circoscrivere il fenomeno. Secondo una rilevazione Istat, gli immigrati residenti tra i 14 e i 17 anni sono appena il 9,6%. Ebbene, in quel 9,6% di popolazione si annida chi compie il 65% degli scippi totali (commessi in Italia da tutti i residenti di quella fascia d’età), il 50,2% dei furti, il 48,1% delle rapine, il 47,7% delle violenze sessuali, il 40,4% delle percosse.

Nella fascia di età fra 18 e 24 anni (di cui gli stranieri rappresentano l’11,2%) la situazione non migliora, anzi. L’89,7% dei reati che concernono lo sfruttamento della prostituzione, il 55,8% delle violenze sessuali, il 52,6% delle rapine, il 52,4% dei furti, il 43,6% delle lesioni dolose di quella fascia d’età è commesso da immigrati. Senza contare gli italiani di seconda generazione, che non sono compresi nella ricerca. Dalle fasce successive  l’incidenza della criminalità tende a calare, e questo risulta particolarmente vero nella fascia di immigrati di età compresa fra i 45 e i 54 anni (11,8% della popolazione in quella fascia anagrafica) e successive. Forse a causa di una maggiore integrazione dovuta a un maggior periodo temporale trascorso nel nostro Paese, la percentuale dei reati si attesta intorno al 16,7%.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Tornino a casa loro che la vita è diventata così “cara” da suicidarsi al volo. Provate ad indovinare perché…

  2. gli immigrati extracomunitari sono un cancro metastatico,per questo paese
    e da quando si sono riprodotti qui,
    stanno infettando anche le scuole,i ragazzi,
    i giovani:
    perchè quasi tutti si portano dentro odio e il disprezzo per la nostra cultura,e di integrarsi e seguire ne nostre leggi non ne vogliono sapere:
    risultato,ci faranno diventare cattivi come loro,
    per semplice autodifesa.

Commenta