Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 feb – È difficile negare che con l’attuale governo vi sia stato un vero e proprio boom di arrivi di immigrati clandestini – come peraltro durante i precedenti governi centrosinistra – soprattutto grazie al ruolo delle Ong. Al di là delle dichiarazioni puramente demagogiche del Movimento Cinque Stelle durante la campagna elettorale di due anni fa l’Italia è di fatto diventata – e resta – il campo profughi d’Europa.



Sbarchi sestuplicati

Lo dimostra il fatto che a fine gennaio gli sbarchi di immigrati erano più che sestuplicarti rispetto allo stesso mese del 2019: i clandestini sbarcati fino al tre febbraio sono arrivati a circa 1700 rispetto ai 200 che vi erano stati nel 2019, quando al Viminale sedeva Matteo Salvini.

Black Brain

Al di là della provenienza degli immigrati – i quali altro non sono per la maggiore che “migranti economici” e certo non rifugiati la possibilità che la presenza di questi possa incrementare il terrorismo – alludiamo naturalmente alla presenza dei mercenari siriani a Tripoli e alla presenza di milizie jihadiste e di al Qaeda – non ha per nulla turbato il sonno dell’esecutivo Conte bis. Non solo: neppure la minaccia di mercenari africani che vengono arruolati nella guerra libica sembra abbia preoccupato l’attuale Primo Ministro.

Fermare il traffico di immigrati

Quanto alle organizzazioni sia laiche che religiose che si occupano direttamente di immigrazione non pare che questa situazione, relativa alla sicurezza del nostro territorio, sia oggetto del loro interesse anche perché forse potrebbe compromettere in modo rilevante le entrate sia di queste associazioni che delle Ong.

Neppure la proiezione di potenza turca in Libia sembra aver indotto l’esecutivo a prendere contromisure adeguate. Non dobbiamo infatti dimenticare che a fine gennaio proprio la fregata turca Gaziantep ha consegnato una trentina di clandestini alla Guardia Costiera libica. Tutto ciò ha suscitato una dura reazione da parte italiana che voleva amorevolmente accoglierli, mentre la possibilità che, grazie ad Ankara, il terrorismo si radichi sempre di più in Libia non ha suscitato le stesse preoccupazioni né tantomeno alcuna protesta.

Quanto poi alla famigerata operazione Sofia, questa non è altro che una missione di salvataggio che ha costituito – e costituirà – un vero e proprio passaporto per l’Europa per consentire a migliaia di immigrati illegali di entrare in Europa. Il modo migliore per fermare le morti nel Mediterraneo è semplicemente quello di impedire che le imbarcazioni si mettono in viaggio troncando sul nascere in questo modo gli affari dei trafficanti.

Roberto Favazzo

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. E’ estremamente grave che si continui a parlare di “viaggi di fortuna”, “esodi individuali” (a centinaia? tutti in un colpo? questi sono dei convogli!), “fughe occasionali” (di famiglie intere?)…
    La maggioranza di questa gente scaricata nel nostro paese (e solo in esso, quasi per obbligo contrattuale) proviene dai ceti benestanti dei loro paesi e viene selezionata da chi li imbarca con promesse di una vita ancora migliore di quella che faceva. Vengono stipati in appositi centri di raccolta del centro-africa e spediti verso la Libia, con la complicità di “telefonisti” africani: e dalla Libia vengono imbarcati sui gommoni perchè in quel modo li si deve per forza ospitare come “fuggiaschi” e non li si può respingere.
    Molti altri sono raminghi che vengono presi per le strade e messi direttamente sui camion: certi tizi di ong hanno confessato addirittura che molti di questi non vogliono andare in Europa e quindi li imbarcano con la forza.
    E’ tutto programmato: persino i “naufragi”, che gli “umanitari” mettono in scena quando devono “sensibilizzare l’opinione pubblica” contro qualche governante “dal cuore indurito”. Perchè per dei vermi come chi c’è dietro tutto questo lurido giro, eliminare 1 o 2000 persone è cosa da nulla. “Il fine giustifica i mezzi”: la posta è troppo grossa e ci mangiano in tanti. Solo degli ac-coglioni possono ancora credere che ci sia buona fede in questa situazione e reiterano la filastrocca del fuggire dalle guerre e dalla fame: ma se fosse così, andrebbero nei paesi vicini.
    Questa congiura globale coinvolge migliaia di infami ed ha come unica motivazione l’euro: che siccome non permette più a un occidentale di vivere decentemente facendo “lavori umili”, allora anzichè eliminare l’euro i pupari dell’UE sovvenzionano falsi umanitari (motivandoli anche con la “nobile causa” di “lavorare per contrastare fascisti xenofobi che non amano chi è diverso”…) per importare nuovi schiavi dall’Africa, sperando che accettino di “lavorare” per paghe da fame, come accade già in Germania: ma hanno fatto male i conti. Già in Puglia gli schiavi si ribellano ai caporali: che poi sono negri pure loro, anzichè i “criminali schiavisti bianchi” di cui parlano i giornali di parte.
    Frasi fatte come “ci SERVONO per fare lavori che non vogliamo più fare” o “per innalzare l’indice demografico” (i figli li faremmo, se avessimo i soldi per mantenerli…), sono già di per sè indizi indicativi del “modo di pensare” di gente UTILITARISTA e MATERIALISTA, che recita la parte dell’umanitario preoccupato che schiuma rabbia contro chi non li vuole (chissà perchè!): e sono persino motivi secondari, perchè in realtà questa gente viene importata PER CREARE CAOS.
    Molti di loro sono fancazzisti di professione, spediti in Italia per ciondolare per le strade e fare i “combattenti contro i razzisti”: molti sono malati e infatti provano a infettare “gli avversari” con sputi, stupri, siringhe e altri metodi. Ma soprattutto, servono a PD e soci per rimpiazzare i votanti che ormai li hanno sgamati come traditori al soldo della trojka.
    Cos’altro dobbiamo leggere ancora, per capire che questa è una TRATTA DI SCHIAVI, finalizzata a infognare soprattutto l’Italia con gente INCOMPATIBILE e NOCIVA?
    Quali altre “prove” di “connivenza tra ong e scafisti” vogliono, questi “magistrati”? Cosa sperano di trovare, qualche confessione scritta? Non gli bastano le intercettazioni? O forse il fatto è che si tratta di magistrati collaborazionisti?

Commenta