Torino, 30 lug – Un ventenne immigrato somalo ha aggredito un agente della polfer alla stazione di Torino Porta Nuova. Tutto è avvenuto di fronte agli uffici della polizia ferroviaria, e le telecamere di sorveglianza hanno ripreso tutta la scena. Violenza pura, che ha scatenato il panico tra i passanti.

Erano da poco passate le 20.30 di domenica, quando in seguito a un normalissimo controllo di routine una somalo ha aggredito un agente di pattuglia nel piazzale di via Nizza. L’immigrato, che dalle prime informazioni risulta essere un richiedente asilo, era seduto sulle scale che conducono ai locali della stazione, probabilmente creando intralcio al passaggio dei viaggiatori.

Secondo il racconto di alcuni testimoni, il somalo alla richiesta di spostarsi da parte degli agenti ha opposto il suo rifiuto e per questo i poliziotti hanno deciso di sottoporlo ad alcuni controlli. Inizialmente l’immigrato si è dimostrato collaborativo. Gli agenti gli hanno controllato i documenti e glieli hanno restituiti.

Poi, dopo essersi allontanato il somalo è tornato indietro dagli agenti, ha cominciato a urlare e a inveire contro di loro, e ha colpito uno dei due, ferendolo. Per l’aggressione l’immigrato ha utilizzato un forchettone da barbecue, puntandoglielo al collo. Poi si è avventato sull’altro poliziotto, cercando di colpirlo a un fianco, ma l’agente ha bloccato l’aggressore sparando.

L’area è stata subito isolata e sul posto è intervenuto il 118, che ha trasportato il somalo e l’agente ferito in ospedale. Il somalo, infatti, è rimasto ferito ma non è in pericolo di vita poiché il proiettile gli è entrato da un fianco e uscito dalla coscia senza provocargli lesioni letali. Per lui è subito stato disposto lo stato d’arresto. Ora è piantonato all’ospedale Molinette. Il poliziotto, ricoverato al Mauriziano, ha riportato due ferite all’altezza della spalla che i sanitari hanno giudicato guaribili in cinque giorni.

Anna Pedri

 

Commenti

commenti

1 commento

  1. Veramente??? Gli ipocriti e buonisti piddini saranno già pronti per definire la storia come aggressione razziale ed i loro cortigiani pennivendoli di skypd24 saranno già sul posto per dichiarare la feroce aggressione della polizia xenofoba…….ma chi li ascolta ancora queste arpie autoreferenziali??? Veramente nauseabonde

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here