Il Primato Nazionale mensile in edicola

morandiRoma, 24 apr – Il qualunquismo buonista non paga sui social networks. L’ha scoperto a proprie spese Gianni Morandi che, due giorni fa, sulla sua pagina ufficiale su Facebook, si era lanciato nel parallelismo più in voga nei salotti radical chic: gli immigrati di oggi sono gli italiani di ieri. Scriveva Morandi: “A proposito di migranti ed emigranti, non dobbiamo mai dimenticare che migliaia e migliaia di italiani, nel secolo scorso, sono partiti dalla loro Patria verso l’America, la Germania, l’Australia, il Canada… con la speranza di trovare lavoro, un futuro migliore per i propri figli, visto che nel loro Paese non riuscivano ad ottenerlo, con le umiliazioni, le angherie, i soprusi e le violenze, che hanno dovuto sopportare! Non è passato poi così tanto tempo…”.

L’assolo di Gianni Morandi ha però incontrato un controcoro che l’ha zittito. In poche ore infatti il suo commento ha raggiunto migliaia di condivisioni e di risposte, delle quali molte critiche. Un’ondata di ritorno che ha spiazzato il cantante, che il giorno dopo è dovuto subito correre ai ripari: “Sono sorpreso dalla quantità di messaggi al mio post di ieri. Sto continuando a leggere ma penso sia impossibile arrivare in fondo… 14mila messaggi! Ho anche risposto ieri sera per un paio d’ore. Forse non mi aspettavo che più della metà di questi messaggi facesse emergere il nostro egoismo, la nostra paura del diverso e anche il nostro razzismo”.

Se era poco originale il primo commento, sull’abbraccio sterile fra barconi di oggi e di ieri, è stata anche peggiore la risposta. Davanti al ‘comune sentire’, Morandi si nasconde dietro l’egoismo, la paura, il razzismo. Gli assi nella manica del politicamente corretto, che chiudono ogni discussione e precludono ogni soluzione del problema. Non a caso, in difesa dell’ex Ragazzo di Monghidoro è stato lanciato subito l’ashtag più banale della terra: #jesuisGianni, che fa l’eco a quello creato in seguito agli omicidi contro il giornale satirico francese Charlie Hebdo. Il creatore dovrebbe essere l’attore Alessandro Gassman, che sul tema immigrazione è reduce dallo scontro con Giorgia Meloni a Ballarò.

Contro Morandi si è invece espresso, ovviamente, Matteo Salvini, che ha chiesto al cantante una prova di coerenza: “Se Gianni Morandi è così attento alle esigenze degli immigrati, visto che non gli mancano soldi e case dia il buon esempio: accolga, ospiti, mantenga e paghi di tasca sua! Canta che ti passa…”.

celentanoLa soluzione che Gianni Morandi non pare avere per il problema immigrazione, la suggerisce invece Adriano Celentano, che sul suo blog chiede a Matteo Renzi di diventare ‘scafista buono’, e – scrive il molleggiato – “con un decreto urgente, attivi le grandi navi per il loro accogliente trasporto in Italia. Non ha importanza quanti saranno. Ma ti assicuro, caro Matteo, che molto, ma molto prima che arrivino a un milione, il MONDO dovrà scendere  a patti con te. E i primi a essere fieri di questo gesto saranno proprio gli Italiani!!!”. Fortunatamente per lui, Celentano sui social networks non c’è, e il commento è uscito sul suo blog, condiviso da poche persone. Nonostante questo è riuscito a beccarsi le critiche su Twitter da parte degli italiani che, un giorno, dovranno essere fieri dell’idea del Caronte Celentano.

Ettore Maltempo

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta