Il Primato Nazionale mensile in edicola

Taranto, 23 dic – Ci risiamo. Il governo giallofucsia ha spalancato il porto di Taranto alla nave Ong Ocean Viking carica di immigrati irregolari. “La Commissione europea ha già attivato la procedura per la redistribuzione dei 159 migranti attualmente a bordo della Ocean Viking. Francia, Germania e Portogallo hanno già manifestato le prime disponibilità ad accogliere quote di richiedenti asilo. Sulla scorta del rapporto ormai consolidato di collaborazione e solidarietà europea è stato indicato quindi Taranto come porto di sbarco”. A comunicarlo è il ministero dell’Interno.



Salvini: “Governo si è ricordato di Taranto, ma non per l’Ilva”

Stasera il governo si è ricordato di Taranto, non per l’Ilva o per la salute dei tarantini, ma per far sbarcare gli immigrati” è l’attacco al Conte bis sferrato dal leader della Lega Matteo Salvini. Prima della decisione di concedere il porto, il Pd invece si era lamentato del fatto che il Viminale perdesse tempo. “La Ocean Viking ha salvato 162 persone e ha chiesto un porto sicuro all’Italia. Fino ad oggi la ministra Lamorgese ha seguito il ‘protocollo’ Salvini: non assegnare il porto fino al completamento dell’accordo di redistribuzione tra i Paesi europei. Una scelta sbagliata e assurda”. Così su Facebook il dem immigrazionista Matteo Orfini.

La Ocean Viking delle Ong Sos Mediterranée e Medici senza frontiere nei giorni scorsi aveva preso a bordo i clandestini a largo delle coste della Libia. Il 20 dicembre 112 immigrati e il giorno dopo altre 50 persone. Con la nave, a recuperare i clandestini a largo delle coste libiche, ci sono tutte le altre imbarcazioni Ong pronte a cercare porti sicuri in Italia: quelle di Open Arms, la Alan Kurdi della Ong tedesca Sea Eye, e da poco anche la Sea Watch 3, prontamente dissequestrata dal tribunale di Palermo.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Blocco Navale al largo delle coste libiche!! Basta Immigrazione! Basta immigrazionisti! Restiamo italiani, restiamo europei!

Commenta