Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 giu – Concordato si o concordato no, Papa Francesco non sembra avere tanto in antipatia il mondo Lgbt. Tanto che ha deciso di scrivere al gesuita James Martin, che allevia le sofferenze della comunità arcobaleno.



Papa Francesco scrive al gesuita “Lgbt”

Per Papa Francesco, nella lettera la gesuita “Lgbt” Dio “si avvicina con amore ad ognuno dei suoi figli, a tutti e ad ognuno di loro. Il suo cuore è aperto a tutti e a ciascuno. Lui è Padre”. Il contenuto della missiva è stato reso noto da Vatican News. “Lo ‘stile’ di Dio” scrive Papa Francesco nella missiva “ha tre tratti: vicinanza, compassione e tenerezza. Questo è il modo in cui si avvicina a ciascuno di noi. Pensando al tuo lavoro pastorale, vedo che cerchi continuamente di imitare questo stile di Dio. Tu sei un sacerdote per tutti e tutte, come Dio è Padre di tutti e tutte. Prego per te affinché tu possa continuare in questo modo, essendo vicino, compassionevole e con molta tenerezza”.

“Prego per i tuoi fedeli”

Dunque Papa Francesco ringrazia padre Martin, apostolo Lgbt, per la sua vicinanza alla causa arcobaleno e la sua “capacità di essere vicino alle persone con quella vicinanza che aveva Gesù e che riflette la vicinanza di Dio”. “Prego per i tuoi fedeli, i tuoi ‘parrocchiani’ – conclude il Papa – tutti coloro che il Signore ha posto accanto a te perché tu ti prenda cura di loro, li protegga e li faccia crescere nell’amore di nostro Signore Gesù Cristo“.

Ilaria Paoletti



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. se fosse vera questa eresia di Bergoglio,la Bibbia anzichè condannare senza appello l’omosessualità come appare del resto in levitico 19 avrebbe potuto essere condensata in un unico “comandamento”:

    “fate tutto quello che volete perchè tanto Dio ama tutti”

  2. Che poi diciamoci tutta la verità : questo non sono ghey, checche . ricchioni, froci, invertit, pervertiti , omonisessuali , depravati, debosciati NON SONO! Sono una massa di patetici esibizionisti ingigantiti dalla propaganda social , dai siti web di notizie on line , tipo yahoo , libero.it, virgilio , msn e poi la miriade di sitarelli de sinistra uno piu stomachevole dell’altro!

  3. Anche qui, al posto di stigmatizzare le provocazioni blasfeme che tale mondo lgbtqxyz esprime contro la Chiesa ,Francesco si affanna a rendere nota la missiva piena di salamelecchi verso tale comunità(quasi a voler ridimensionare anche le polemiche sulla legge Zan e il Concordato…) .Il signor Bergoglio è troppo preso dal compiacere le cause progressiste, e credo ciò sia dovuto al fatto che sono proprio i potenti media globali di questo schieramento a tracciare, a disegnare, l’immagine pubblica delle persone :es Obama bravo e simpatico a prescindere, Trump buffo e malvagio ; Navalny figo e combattente per la libertà, Putin despota e assassino ; Benedetto xvi oscurantista, il signor Bergoglio aperto agli altri e tanto tanto bbbuono,etc….
    I mezzi di informazione in maniera più o meno subdola(e ,talvolta, subliminale) stimolano i nostri riflessi cognitivi, in modo tale da associare ad ogni personaggio(o situazione) determinate sensazioni(espresse verbalmente da appropriati aggettivi). A meno che, ciascuno non decida di approfondire per proprio conto, ben oltre la propaganda di regime, ma campa cavallo…
    Non sappiamo se Bergoglio lisci continuamente tale mondo liberalprogressista per entusiasmo o per pavidità (questo sarà la Storia a stabilirlo); di certo, nello specifico, se veramente nelle scuole cattoliche dovessero venire esponenti lgbtqxyz a fare propaganda gender anche ai più piccoli, non riuscirei a vedere un solo valido motivo per il quale le persone dovrebbero continuare a mandare i propri figli in queste scuole invece che in quelle pubbliche. Con buona pace del papa(?!?)argentino….

Commenta