Il Primato Nazionale mensile in edicola

Catania, 25 mag — Una vera e propria guerra, senza esclusione di colpi — anche i più turpi — condotta verso i titolari di pompe funebri concorrenti: presidiavano militarmente, anche durante le ore notturne, le camere mortuarie dell’ospedale di Caltagirone per accaparrarsi per primi i parenti dei pazienti deceduti a cui avrebbero offerto i servizi di onoranze funebri. E’ questa l’accusa contestata a nove persone, tutte destinatarie di un’ordinanza di custodia cautelare eseguita dai carabinieri del comando provinciale di Catania.

Sangue di Enea Ritter

Le accuse sono pesanti. Secondo quanto riportato da Ansa Sono i titolari delle pompe funebri sono indagati, a vario titolo, di associazione per delinquere, illecita concorrenza con minaccia o violenza, violazioni di sepolcro, furti aggravati, rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio, minaccia, interruzione di un ufficio o servizio pubblico, nonché di minaccia a pubblico ufficiale ed istigazione alla corruzione.

Black Brain

Il racket delle pompe funebri a Caltagirone

Dall’inchiesta, nominata molto evocativamente Requiem, è emerso che gli indagati «si sono resi protagonisti di innumerevoli ingressi abusivi all’interno delle sale mortuarie». Essi avrebbero «danneggiato e distrutto gli arredi funerari delle ditte concorrenti, distrutti i biglietti pubblicitari» e «strappato dalle salme, una volta a quella di un feto, i ‘talloncini identificativi’ per rintracciare, prima degli altri concorrenti, i parenti dei defunti a cui proporsi per le onoranze funebri».

Furti sulle salme 

Il racket non riguardava solo i servizi di pompe funebri, ma anche «il trasporto di degenti non deambulanti». Si legge nelle carte: «con Onlus a loro riconducibili, monopolizzavano le attività di trasporto dei degenti non deambulanti con ambulanze private». Si tratta di una vera e propria «occupazione dell’ospedale con minacce di morte ed aggressioni, anche fisiche del personale sanitario che, per l’emergenza Covid, aveva tentato di allontanarli dal pronto soccorso».

Altri episodi, ripresi con telecamere nascoste piazzate dai carabinieri del comando provinciale di Catania, riguardano furti di gioielli sul cadavere di un defunto, o di un rosario strappato alla mano di una salma dentro a una bara, nonché «danneggiamenti e furti alle imprese concorrenti».

Cristina Gauri
Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta