Roma, 27 dic – Due milioni di italiani in quarantena, più di 500mila contagiati e una continua crescita di casi. Le restrizioni imposte dal governo non sembrano proprio fermare la circolazione del virus e così aumentano le voci di chi ne invoca di maggiori. Si va da lockdown per non vaccinati all’obbligo vaccinale, passando per chiusure generalizzate che finirebbero per paralizzare di nuovo l’Italia. Siamo insomma di fronte a una schizofrenia di valutazioni, sinora rivelatesi quantomeno inappropriate.

Sul banco degli imputati c’è però anche la quarantena per chi è venuto in contatto con positivi al Covid. Osservando i numeri è difatti una misura discutibile se non altro perché sta bloccando milioni di cittadini in casa, con conseguente blocco delle attività economiche e sociali. In base alle regole odierne, chi è venuto in contatto con un positivo è costretto a una quarantena di sette giorni (se vaccinato) oppure di dieci giorni (se non è vaccinato), in attesa di un test che ne attesti la negatività al virus.

Bassetti contro l’attuale quarantena 

A trovare assurda questa disposizione è ad esempio Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive del San Martino di Genova, che chiede adesso una revisione della quarantena. “Abbiamo oltre 50mila casi (di Covid, ndr) al giorno, diventeranno molti di più, finiamola con il tracciamento e le quarantene dei contatti. Chi è malato deve stare a casa e dobbiamo finire con il tracciamento. Non possiamo continuare a mettere in quarantena e in isolamento forzato decine di persone (i contatti) per ogni tampone positivo”, dice Bassetti. Dunque secondo l’infettivologo “deve cambiare tutto”, perché “non possiamo contrastare il Covid di dicembre 2021 con gli strumenti normativi del dicembre 2020”. Secondo Bassetti poi “più dell’80% degli italiani è vaccinato e per loro il Covid, oggi, è poco più che un brutto raffreddore”.

Battiston chiede il lockdown per non vaccinati

A riprova però che le idee in campo sono tante, ma molto confuse, c’è pure chi chiede un lockdown per non vaccinati sul modello di Germania e Austria. E’ il caso ad esempio di Roberto Battiston, astrofisico e coordinatore dell’Osservatorio epidemiologico dell’Università di Trento. “Replicare uno schema simile da noi vorrebbe dire proteggere una frazione di meno del 10% dei cittadini, senza penalizzare il restante 90%: così li mettiamo al riparo dall’infezione, con possibili esiti gravi, ed evitiamo di mandare in crisi il sistema sanitario”, dice Battiston.

Abrignani invoca l’obbligo vaccinale

Mentre al Comitato tecnico scientifico torna a farsi largo l’ipotesi dell’obbligo vaccinale. “Se fossimo tutti vaccinati i letti intensivi occupati sarebbero il 20-25% degli attuali, quindi tutta l’Italia sarebbe bianca. Sui 3 milioni circa di over 50 non vaccinati, 1,4 milioni sono over 60, l’8% circa della popolazione totale di questa età. Una minoranza che però riempie le rianimazioni e condiziona la vita del 92% che adempie al dovere”, dice Sergio Abrignani, immunologo e membro del Cts, che due settimane fa aveva già invocato l’obbligo vaccinale.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. è assolutamente falsa tutta la loro propaganda.
    Non pubblicherò niente di “alternativo” ma il sito di Rai Coronavirus. Ufficiale.
    https://www.rainews.it/ran24/speciali/2020/covid19/
    Sono solo numeri..
    Chi vuole può controllare. Vedrà che ci sono paesi(anche extraeuropei) che hanno vaccinato molto meno dell’Italia e sono messi meglio. Queste ipotesi sono tenute in piedi con uno sputacchio.. del fare confronti fra paesi diversi e guardarli solo quando gli fa comodo.. non regge. La scienza rappresentata da quei 4 talebani che vogliono zittire tutti gli altri, si è ridotta a dogmi, sempre a favore delle multinazionali, e sempre senza mai fare un minimo di “autocritica” e ammettere i loro stessi errori. Il fatto è che un giorno dicono una cosa.. due mesi dopo ne dicono un’altra.. Sono loro che stanno perdendo credibilità.. non sono i cosiddetti “complottisti” a danneggiarli.
    Se loro si comportassero con vero “metodo scientifico”, fossero stati più cauti, umili, nelle dichiarazioni, invece di comportarsi come belve da guardia del dittatore, forse oggi più persone gli crederebbero,

    La questione del cosiddetto “lockdown per non vaccinati” parte da una ipotesi addirittura falsa..
    A volerlo sono quelli che non vogliono i tamponi per i vaccinati, e vogliono vendicarsi con la bava alla bocca, perchè pensano che la colpa sia dei non vaccinati, peccato che la Germania da cui fingono di prendere spunto:
    a)può avere regole diverse a seconda dello stato federato
    b)fa i tamponi ai vaccinati.. infatti in alcuni stati federati(non è unica la regola) esiste il 2G+ per entrare in moltissimi locali, prevede oltre alla vaccinazione, il tampone per i vaccinati, ma loro non lo dicono perchè sono bugiardi. Per copiare la Germania dovrebbero estendere il tampone obbligatorio per entrare in locali ai vaccinati per un sacco di attività per le quali non è previsto attualmente. (il contrario di quello che vogliono fare loro)
    c)nel totale non ha mai avuto più limitazioni per i non vaccinati dell’Italia, che è stata pure la prima sul lavoro a penalizzare con tamponi dal costo di 15 euro.. mentre in altri paesi costano poco.. e in Italia col nuovo decreto di Draghi i non vaccinati sono già di fatto in lockdown esclusi persino dal poter prendere un caffè al banco, andare in palestra, luoghi di incontro.
    d)Hanno dimenticato di dire che la Germania ha fatto meno tamponi per le feste.. anche la Romania ha avuto un calo netto, se è per quello e ha dati di vaccinazione ben più bassi sia della Germania che dell’Italia.
    Di che stiamo parlando?

    è vero che in Italia i non vaccinati sono forse i più pacifici, non si ribellano.. quindi li metteranno anche in lockdown.. ma non sarà molto diverso da adesso.(chi paga 15 euro per un biglietto dell’autobus che costerebbe 2 euro?) per esempio.. moltissimi sono già bloccati a casa. Hanno trovato il capro espiatorio, e nominano sempre i non vaccinati.
    Nel 2029 probabilmente col 99.99% di vaccinati daranno la Colpa a Pino e Franco, gli unici due cittadini non vaccinati, del fatto che saranno uno dei paesi peggiori (è una provocazione). La gente continuerà a credergli..

Commenta