Il Primato Nazionale mensile in edicola

Coltello-insanguinato (1)Roma, 26 giu – Se si comportano così nel centro profughi, dove in teoria dovrebbero essere controllati e aiutati a “integrarsi”, figuriamoci che faranno fuori. È un caso emblematico quello che è accaduto nel centro profughi di Franciana a Piombino (Livorno), dove un pakistano di 35 anni è stato ucciso a coltellate. L’aggressore sarebbe un altro straniero: un senegalese di 34, ora in stato di arresto con l’accusa di omicidio. All’origine del delitto, l’assurda motivazione di una porta che sbatteva nella stanza adibita a moschea.



La dinamica dei fatti è stata ricostruita dalla polizia del commissariato di Piombino raccogliendo le testimonianze degli altri stranieri presenti e le dichiarazioni sarebbero state pressoché unanimi: i due litiganti stavano pregando nella stanza del centro adibita a moschea quando il senegalese è uscito e, forse complice anche una corrente d’aria, ha fatto sbattere la porta. Il pakistano allora gli è andato dietro e lo ha rimproverato, innescando una discussione animata al termine della quale il senegalese ha colpito il pakistano alle spalle e gli ha procurato un’emorragia letale con un coltello da cucina che aveva con sé e che non risulta essere in dotazione al centro.dai responsabili della struttura. Sul posto anche gli agenti della polizia scientifica.

Black Brain

Roberto Derta

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta