Il Primato Nazionale mensile in edicola

brancamirco



Bolzano, 18 feb – Dieci militanti di CasaPound Italia sono stati condannati dal tribunale di Bolzano per manifestazione non autorizzata. I giovani del movimento della tartaruga frecciata avevano esposto una bandiera italiana per coprire simbolicamente l’anello luminoso, posto dal comune su di una colonna del Monumento alla Vittoria. I fatti risalgono al 12 agosto 2014 quando Cpi aveva indetto una conferenza stampa per portare alcune proposte di miglioramento del percorso museale al manufatto di Piacentini, eretto in ricordo dei Caduti della Grande Guerra, nell’orario di apertura dello stesso.

“Riceviamo questa ennesima condanna e ringraziamo – dichiara a Il Primato Nazionale il coordinatore regionale di Cpi Andrea Bonazza, anch’egli colpito dal provvedimento del giudice – perché essere condannati per aver esibito il tricolore è per noi un motivo di orgoglio, come lo è anche metterci a disposizione degli anziani delle case di riposo che conosceremo nel corso dei lavori socialmente utili che dovremo svolgere”. I dieci militanti di CasaPound hanno impugnato davanti al giudice il decreto penale con cui erano stati condannati a pagare un’ammenda di 1300 euro a testa per violazione dell’articolo 18 del Testo Unico di pubblica sicurezza. Agli attivisti presenti alla conferenza stampa era stato contestato di aver organizzato una manifestazione non autorizzata al Monumento alla Vittoria per contestare l’installazione dell’anello museale attorno ad una delle colonne.

“Vorrei sapere – continua Bonazza – se tutti gli altri partiti, movimenti o associazioni, nel momento in cui indicono una conferenza stampa, sono obbligati a comunicarlo alla questura. Ci domandiamo poi, vista la recente assoluzione di Eva Klotz – la secessionista sudtirolese recentemente finita al centro delle cronache per aver ricevuto un vitalizio di un milione di euro – per il reato di vilipendio alla bandiera, se in questa provincia il tricolore sia così ‘pericoloso’ da creare, come già accaduto in diverse occasioni, un allarmismo politico che giudichiamo vergognoso e anti-italiano”. “Accogliamo dunque questa condanna – conclude il coordinatore di CasaPound – ribadendo ancora una volta alle istituzioni che, laddove ci sarà da difendere l’italianità, ci troveranno sempre a sventolare la bandiera del nostro popolo. A qualunque costo”.



La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Non ci sono parole tranne che la bandiera italiana può essere usata solo per le partite di calcio ,eviterò di vedere anche la nazionale di calcio , se non c’è la nazione anche serve una nazionale di calcio ?
    Ci siete solo voi ed un altro gruppo che porta in alto il nome dell’Italia , ma il problema è che il resto è morto dal 1943 al 1949 , essere Italiani a quanto pare è un anomalia per governi e magistratura , come anomalie per il sistema bancario e geopolitico internazionale furono Mu. e HI.

  2. Siete gli ultimi Patrioti. Si dovrebbero vergognare i traditori €uropeisti che hanno regalato la Nazione alle oligarchie bancarie. Bravi!

  3. W il tricolore ed abbasso l inutile bandiera eurocrate senza valori morali dove decidono 4 schiavi dei banchieri dove la sovranita dei popoli è stata esautorata dicendoci che vige la democrazia da quando il mondo è si le liberato dalle tre anomalie per i banchieri e la moneta stampata dai privati
    poi altre anomalie ci furono e schiacciate sempre con le bombe democratiche (queste quando uccidono civili non vengono mai processate del resto neanche a Norimberga )

Commenta