Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 ago – Fortunatamente, l’idea di un museo del fascismo da allestire a Roma sembra tramontata ancor prima di prendere corpo. È stato comunque divertente vedere il brivido di terrore della Raggi e della sinistra al solo pensiero che un simile museo, del tutto a prescindere dagli intenti degli organizzatori, potesse diventare un polo d’attrazione per simpatizzanti di Mussolini. È sempre rinfrancante assistere a questo stato di allerta continua, questo proibizionismo incessante, quest’isteria moralistica su cui si regge l’antifascismo, nel costante timore che le difese immunitarie contro il male assoluto possano allentarsi. È bello vederli così, bigotti col fiatone, sbirri della memoria, puritani con la sindrome da accerchiamento, incapaci di qualsiasi autolegittimazione minimamente positiva…

E’ un bene che questo museo sul fascismo non si faccia

Ma, a parte questo, è un bene che questo museo non si faccia. Questa mia convinzione incontrerà magari lo scetticismo di quella destra che, in risposta all’iconoclastia di Black lives matter, ha di recente scoperto la propria vocazione museale, ma la verità è che da quell’idea sarebbero venuti fuori solo pasticci. Intanto perché l’Italia ha un rapporto non conciliato con il fascismo, e quindi il museo sarebbe stato posto sotto la vigilanza dell’Anpi e avrebbe raccolto solo un florilegio di errori e orrori. Certo, la forza dei simboli è talmente potente che, probabilmente, anche una simile esposizione splatter avrebbe finito per evocare suggestioni politicamente sgradite. Ci sarebbe stato, insomma, da divertirsi lo stesso. Ma il punto, a dirla tutta, non è neanche questo.

Il fascismo non si può “normalizzare” (per fortuna)

Il vero motivo per cui questo museo non s’ha dare è un altro, anche se ha comunque a che fare con il rapporto non conciliato che la nostra società ha con il Ventennio. Il punto è che questa mancata conciliazione è, in fin dei conti, un’eredità preziosa da tenersi stretti. Il fatto che il fascismo rappresenti qualcosa di incongruo, di non assimilabile, di non normalizzabile è la prova migliore della sua vitalità. Non del Regime, non delle sue forme esteriori, non delle sue strutture, ma del suo essere un fenomeno storico che ha toccato delle corde e ha segnato degli spartiacque che sono ancora carne viva e sanguinante.

La storia ha un senso perché è divisiva

Capisco che la cosa possa suonare strana alle orecchie della Brigata Montanelli, ma la storia ha un senso anche se divisiva, anzi, ce lo ha proprio perché è divisiva, perché scinde i campi, perché fa discutere, perché è terreno di scontro fra egemonie, perché suscita revisioni, riscritture, sovrascritture, cancellazioni, riscoperte. Il fascismo sotto una teca non riesce a starci. E questo è un bene. Sarebbe del resto assurdo che Mussolini finisse al museo ora che ne stanno uscendo anche Giulio Cesare e Napoleone. L’epoca presente, cioè, prevede una rimessa in discussione dello spirito conciliato con cui fino a qualche anno fa abbiamo guardato ad epoche maggiormente sedimentate nella nostra memoria. Si rimette in discussione tutto, si contesta un’intero passato in tutte le sue sfaccettature, si riscopre la portata prettamente politica di eredità un tempo considerate neutrali. Si riportano nell’arena dell’egemonia Dante e Leopardi. E proprio ora vorremmo trarne fuori Mussolini? Lui non ne sarebbe affatto contento.

Adriano Scianca

4 Commenti

  1. È proprio così: sarebbe stato uno show parziale, ipocrita e fazioso, ad uso e consumo dei vecchi rancorosi dell’anpi e degli altri senza Patria arcobalenici….. Teniamoci il nostro Sacro Fuoco ben alimentato nel nostro cuore!

  2. Concordo. Non sanno neppure cosa è veramente un museo… Non saremo certo noi a spiegarglielo.

  3. Sono d’accordo con Scianca, non è ancora ora di musealizzare il Fascismo, perché il Fascismo è ancora Vivo, le sue idee, i suoi valori e il suo spirito sono perenni…..e poi che tristezza un museo sul Fascismo sotto l’egida dell’Anpi e di qualche Raimo di turno a sorvegliarlo e a snaturarlo di ogni contenuto originale e originario! Ed infine dobbiamo ancora vincere e vinceremo, e per Voi antifa della psico-polizia arriverà il bello, o il brutto, dipende dai punti di vista! 😉

  4. Ho saputo qualche giorno fa che sono scomparsi 1000 gagliardetti delle Squadre d’Azione.Credo fossero quelli usati per la mostra del Decennale.Scomparsi da un Archivio di Stato ! Rubati ? Venduti ? Distrutti ? Per lo meno in un museo potrebbero trovare rifugio ed essere catalogati tutti quei reperti che disonesti e mentecatti hanno piacere a distruggere.Prima che sia troppo tardi.

Commenta