Il Primato Nazionale mensile in edicola

evasione fiscale amazonRoma, 28 apr – A poco più di un anno di distanza dalla scoperta della maxi-evasione da 300 milioni contestata a Google, che seguì di meno di un mese un’analoga accusa nei confronti di Apple per 318 milioni (pagati sull’unghia), è di nuovo un gigante dell’economia, il colosso del commercio elettronico Amazon, a finire nel mirino del fisco italiano.



I fatti, finiti sotto l’occhio della Guardia di Finanza – protagonista anche nel caso della frode fiscale del gruppo di Mountain View, mentre per quanto riguarda la società fondata da Steve Jobs l’inchiesta fu condotta dall’Agenzia delle Entrate – risalgono agli anni dal 2009 al 2014, quando Amazon aveva sede legale in Irlanda, dov’è rimasta fino al 2015. Lo schema è noto e (ab)usato, come già nei casi precedenti: vendite in Italia ma fatture a Dublino, dove il regime fiscale agevolato con aliquota per le imprese al 12,5% – salvo più vantaggiosi accordi stipulati direttamente con il governo – permette notevoli risparmi sulle imposte.

Black Brain

In totale, stando alle Fiamme Gialle, con questo meccanismo – che prende il nome di esterovestizione – Amazon avrebbe evaso tasse in Italia per 130 milioni. Una cifra più bassa rispetto ad Apple e Google, dovuta al solo fatto che la società di Jeff Bezos ha minori margini di guadagno sulle vendite.

Filippo Burla

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta