gelateria Grom
Grom, eccellenza italiana del gelato artigianale, passa alla multinazionale olandese Unilever

Torino, 2 ott – La stagione dello shopping in Italia non si ferma. Prendendo forse spunto dall’invito fatto ieri da Pier Carlo Padoan – rivolto ai fondi sovrani, ma quando l’acquirente è una multinazionale può andar comunque bene – la olandese Unilever  ha annunciato ieri di aver rilevato il 100% di Grom.

Grom, l’eccellenza del gelato artigianale

Grom è una realtà torinese relativamente giovane (nasce nel 2002) ma dal successo indiscusso. La sua filosofia è semplice: “Il gelato come una volta”, recita lo slogan della società, che produce gelati di alta qualità utilizzando prodotti di stagione e da agricoltura biologica, senza coloranti, conservanti né alcun altro additivo. Dal capoluogo del Piemonte l’espansione è stata a macchia d’olio, tanto che oggi il franchising è presente con quasi 70 punti vendita in 40 città sia in Italia che all’estero, spaziando fino ad Hollywood.

Con i primi successi è arrivata anche l’attenzione da parte degli investitori

Nel 2011 Illy, il colosso italiano del caffè, entra nel capitale sociale con una quota di minoranza, il 5%, per 2.5 milioni. Un ingresso di basso profilo – e che valutava Grom ben 50 milioni – tutto “made in Italy” per aiutare il rafforzamento. La strategia non sembra aver pagato, visto che Unilever – che da parte sua poggia su quasi 50 miliardi di fatturato – ha avuto gioco facile nel fare la sua offerta.  Dopo aver conquistato nel lontano 1974 la storica casa Algida e banchettato sulla privatizzazione dell’Iri ad inizio anni ’90, Unilever continua così nella sua campagna acquisti che la porta ad essere fra i principali produttori di dolci (e non solo) al mondo.

“Continueremo ad utilizzare i migliori ingredienti provenienti dalla nostra azienda agricola biologica Mura Mura e quelli realizzati dai nostri fornitori, e manterremo la produzione a Torino, per continuare ad offrire ai nostri consumatori i gelati ed i sorbetti che amano”, spiegano Guido Martinetti e Federico Grom, i due fondatori.

Il gelato sarà ancora come una volta, ma intanto con la vendita un’altra eccellenza italiana è passata in mani estere.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. ma che ci andate a fare da Grom, con tutte le ottime piccole gelaterie artigianali che ci sono a Torino! andate a La Romana!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here