people's bank of chinaRoma, 17 gen – Nella giornata di ieri la Banca centrale cinese ha limato al rialzo la sua partecipazione in Terna, salendo oltre il 2% e facendo così scattare l’obbligo di comunicazione alla Consob.

L’ingresso di People’s Bank of China non è recente ma data indietro al 2011. Nel tempo la quota di azioni detenute è via via aumentata, fino a raggiungere il 2.01% attuale. La mossa segue quelle condotte dall’istituto sul capitale di Saipem, con la partecipazione scesa sotto la soglia limite a fine dicembre ma poi risalita al 2.034% nei primi giorni dell’anno.

Non è la prima volta che l’asse con il paese asiatico dà il là a operazioni sulle realtà industriali italiane. Sempre con riguardo a Terna, quest’estate era stato infatti definito l’accordo (poi perfezionato a novembre) per la cessione alla cine cinese State Grid Corporation del 35% di Cdp reti, veicolo di Cassa Depositi e Prestiti che controlla il 30% di Snam e, appunto, di Terna. Tra partecipazioni dirette e indirette, quindi, Pechino viene globalmente a detenere il 12.5% della società che gestisce le linee elettriche nazionali. Con buona pace del tetto che limiterebbe al 5% la quota di capitale sociale che può essere detenuta da soggetti diversi dallo Stato.

Oltre alle società citate, la Banca centrale cinese ha inoltre partecipazioni rilevanti -vale a dire tutte superiori al 2%- in Eni, Enel, Telecom Italia, Fiat Chrysler, Mediobanca e Generali. Senza considerare l’insistente interesse nutrito da Insigma per le eccellenze AnsaldoBreda e Ansaldo Sts che, nonostante le apparenti titubanze di Moretti sulla loro cessione, sembrano destinate anch’esse a prendere la via dell’oriente.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here