finmeccanica2Roma, 28 gen – In attesa dei dettagli operativi sul piano industriale, Finmeccanica ha pubblicato le stime preliminari sui risultati dei 2014 e le previsioni di bilancio per l’anno in corso.

“I risultati ottenuti nei primi nove mesi del 2014 e le stime aggiornate relative all’ultimo trimestre fanno ritenere che il Gruppo rileverà nell’esercizio 2014 Ordini, Ricavi, EBITA e Free Operating Cash Flow superiori alle previsioni precedentemente formulate”, si legge in un comunicato diffuso nella giornata di ieri. Rispetto alla guidance di novembre, migliorano tutti i fondamentali: crescono di circa un miliardo sia gli ordini che i ricavi, si stabilizza oltre quota 1000 milioni il risultato operativo netto (che fornisce un’indicazione della redditività di un’impresa nella sua gestione caratteristica), il flusso di cassa migliora pur restando negativo e diminuisce l’indebitamento netto -la vera spina nel fianco del gruppo- da 4.3 a 4.1 miliardi.

Nel corso del 2015 ordini e ricavi registreranno una leggera flessione ma, grazie alla riorganizzazione gestionale e operativa della società, la redditività è prevista in aumento e finalmente il flusso di cassa vedrà il segno positivo. Presupposti fondamentali per il ritorno all’utile da parte della conglomerata pubblica della difesa, dell’aerospazio e dei trasporti. Nulla trapela in tal senso, ma non è escluso che già dall’anno in corso

“La ulteriore revisione al rialzo degli obiettivi commerciali, economici e finanziari previsti per l’esercizio 2014, i miglioramenti di redditività e generazione di cassa previsti per il 2015, unitamente agli obiettivi di medio termine che comportano anche una importante riduzione dell’indebitamento, senza includere gli effetti di operazioni straordinarie, ci rendono ancora più determinati nell’esecuzione del Piano oggi approvato e fiduciosi nel raggiungimento di tali obiettivi. Le azioni poste in essere da maggio dello scorso anno rendono già evidente il cambiamento in atto, che pone Finmeccanica nella giusta direzione per un futuro prossimo di rilancio e sviluppo”, ha commentato l’ad, Mauro Moretti.

Filippo Burla

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here