Foto Roberto Monaldo / LaPresse23-05-2013 RomaEconomiaAssemblea ConfindustriaNella foto Giorgio SquinziPhoto Roberto Monaldo / LaPresse23-05-2013 Rome (Italy)Confindustria assemblyIn the photo Giorgio Squinzi

Roma, 18 set – Immigrazione e lavoro, un binomio attorno al quale la propaganda pro-accoglienza si è aggrappata con tutte le sue forze (e buone dosi di autorazzismo) per sostenere l’ondata di sbarchi e non contrastare la presenza di stranieri sul territorio. Oltre ad essere, per i media nostrani, parte di una razza superiore, gli immigrati farebbero i lavori che gli italiani non vogliono più fare, pagherebbero le nostre pensioni, contribuirebbero in maniera decisiva al nostro Pil. Tutte asserzioni facilmente confutabili, ma tant’è.

A rompere le uova nel paniere ai pasdaran del buonismo è però arrivato, sorprendendo un po’ tutti, addirittura il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi. “In questo momento non è l’immigrazione che può risolvere i nostri problemi. Abbiamo bisogno innanzitutto di ridare lavoro agli italiani“, ha detto, intervenendo ad un convegno a Milano. “Sarà una visione un po’ egoista, ma cominciamo a ridare un futuro ai nostri giovani”, ha continuato, spiegando che a suo avviso gli immigrati non sarebbero una risorsa perché “la maggior parte ha come destinazione finale altri paesi. In Italia abbiamo una disoccupazione al 13% e quella giovanile è al 40%”.

Parole, quelle dell’amministratore della Mapei, che giungo inattese, visto che l’associazione degli industriali non ha mai preso una posizione chiara sul tema. Anzi, spesso e volentieri non ha lesinato critiche a chi ha cercato di contrastare l’invasione. Forse è troppo presto per parlare di inversione di rotta, ma le affermazioni di Squinzi hanno fatto breccia: “Bravissimo! Parole chiare e di buonsenso. Chissà se Renzi darà della «bestia» anche a lui…”, ha scritto Matteo Salvini sul suo profilo Facebook. “Condivido totalmente le parole chiare e la posizione coraggiosa di Giorgio Squinzi sull’immigrazione, #primainostri”, gli ha fatto eco il governatore della Lombardia Roberto Maroni via twitter.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. In realtà, da buon affarista, anche Squinzi capisce che inondare il settore del lavoro produttivo di immigrati subacculturati e dal QI medio non molto elevato, contribuisce a una stagnazione totale dell’innovazione industriale e tecnica, come avvenuto nella Francia ultraimmigrazionista. Il Giappone è tecnicamente “avanti” proprio perché ha impiegato sempre e solo autoctoni (e autoctoni con un QI medio tra i più alti al mondo) nel sistema produttivo, andando anni luce avanti come progresso industriale rispetto a Stati come la Francia, che hanno fatto solo gli interessi di industrialoni avidi di immigrati da poter sottopagare. Diciamo che quella di Squinzi non è una proposizione “nazionalista” ma dettata dalla convenienza e dal buon senso affaristico di non distruggere l’economia di cui è responsabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here