Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 13 gen – In Russia tutti i cittadini potranno vaccinarsi contro il Covid dalla prossima settimana. E’ quanto annunciato oggi da Vladimir Putin, che ha incaricato le autorità sanitarie russe di avviare la vaccinazione di massa per tutta la popolazione.
“Vi chiedo di lanciare la vaccinazione di massa per l’intera popolazione a partire dalla prossima settimana e di elaborare il rispettivo programma di lavoro, come si fa con altre malattie come l’influenza”, ha detto il presidente russo, come riportato dall’agenzia Tass.



Putin: “Pronti per vaccinazione di massa”

“Abbiamo già avviato la vaccinazione su larga scala”, ha sottolineato Putin. “La scorsa settimana, Mikhail (Mishustin, il primo ministro, ndr) mi ha riferito che l’industria non solo ha tenuto il passo con gli obiettivi e i volumi promessi, ma ha anche superato gli obiettivi di produzione di vaccini pianificati. Dobbiamo passare dalla vaccinazione su larga scala a quella di massa“. Poi Putin ha specificato che i centri in verranno somministrati i vaccini dovranno essere pronti per la vaccinazione di massa. Ma “grazie a Dio il nostro vaccino non richiede condizioni insolite per il trasporto, come -50°C, -70°C, da noi tutto è molto più semplice ed efficiente. Serve costruire un programma appropriato… allo stesso modo in cui facciamo con altre malattie, ad esempio l’influenza”, ha detto Putin.

Black Brain

Il vice primo ministro, Tatyana Golikova, che ha la delega alla lotta al coronavirus, stando a quanto riportato dall’agenzia Interfax ha assicurato che il sistema è comunque già “pronto”, dunque la vaccinazione di massa invocata da Putin inizierà il prossimo “18 gennaio”.
“Entro la fine di gennaio ci saranno 2,1 milioni di dosi di vaccino e avremo seriamente bisogno di intensificare la campagna di vaccinazione”, ha puntualizzato Golikova.

Il vaccino russo

In Russia la vaccinazione contro il Covid è stata avviata a inizio dicembre, prima dunque che nei Paesi Ue. Inizialmente sono stati vaccinate le categorie considerate maggiormente, ovvero medici, insegnanti e assistenti sociali. In seguito hanno avuto diritto al vaccino altre categorie come dipendenti pubblici, studenti, operai edili e impiegati nel settore bancario.  Il vaccino utilizzato in Russia è il preparato Sputnik V, sviluppato dal Gamaleya National Center of Epidemiology and Microbiology. Si tratta del primo vaccino anti-coronavirus ad essere stato registrato, ad agosto 2020.

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta