Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 18 set – La Spagna torna al voto per la quarta volta in meno di quattro anni. Il re Felipe VI ha constatato che le forze politiche non sono riuscite ad accordarsi per raggiungere la maggioranza in Parlamento e formare un governo. Di conseguenza, dopo lo scioglimento delle Camere fissato per lunedì 23, gli spagnoli torneranno alle urne, il 10 novembre. In verità, tecnicamente è ancora possibile un accordo politico, ma solo e soltanto nel caso in cui il dibattito dovesse celebrarsi non oltre venerdì, dato che i termini per la formazione di un nuovo esecutivo scadono alla mezzanotte di lunedì.



Niente maggioranza per il socialista Sanchez

Il presidente del governo in carica Pedro Sanchez non è riuscito a trovare una maggioranza (e secondo alcuni analisti era proprio questo il reale intento). L’alleanza con la sinistra di Unidas Podemos, la coalizione guidata da Pablo Iglesias, sebbene fosse diciamo “naturale” si è rivelata impossibile. Tanto che a fine luglio, quando il leader socialista si è presentato in Parlamento non ha ottenuto la fiducia. Podemos chiedeva di entrare con propri ministri in un governo di coalizione (sarebbe stata la prima volta in assoluto per la democrazia spagnola). Il Psoe di Sanchez, sebbene preferisse ovviamente governare da solo, obtorto collo ha detto che avrebbe accettato, a patto che Iglesias restasse fuori e che gli eventuali alleati accettassero una vice-presidenza e tre ministeri. Un’offerta troppo misera per la sinistra. Adesso Sanchez spera, con il ritorno alle urne, di consolidare la posizione del Psoe, ma l’incertezza regna sovrana, soprattutto se dovesse aumentare l’astensionismo, che potrebbe favorire le destre di Partito popolare e Ciudadanos. Discorso a parte per il partito sovranista Vox, che secondo alcuni sondaggi sarebbe in lieve calo. Per riuscire nell’impresa, il Psoe deve ottenere al prossimo giro 176 voti su 350, ossia 53 in più di quelli di cui dispone attualmente.

Ludovica Colli

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta