Il Primato Nazionale mensile in edicola

Parigi, 25 set – Ancora terrore a Parigi. Secondo quanto riportato da Le Parisien due individui avrebbero ferito a colpi di machete quattro persone nei pressi dell’ex sede della redazione di Charlie Hebdo già nel mirino del sanguinoso attacco terroristico avvenuto nel gennaio 2015. Stando a quanto riferito dalle forze dell’ordine due dei quattro feriti sarebbero in gravissime condizioni. Due sarebbero dipendenti della società di produzione e azienda di comunicazione Premiere Ligne. Era stata la Premier a diffondere per prima dopo la tragedia di Charlie Hebdo le immagini dei due killer, i fratelli Kouachi, in fuga dopo la strage. Un testimone ha raccontato a Bfmtv: «Ho sentito delle grida, mi sono affacciato alla finestra e ho visto una giovane donna con una ferita alla testa e del sangue sul viso, era nel panico. Veniva dal palazzo della vecchia sede di Charlie Hebdo»

Dopo aver formato un cordone per circoscrivere la zona intorno a Boulevard Richard Lenoir, gli agenti sono stati costretti ad estendere ulteriormente l’area a causa del ritrovamento di un pacco sospetto. L’allarme è poi rientrato. Il ministero dell’Interno ha allestito una unità di crisi alla presenza del ministro Gerald Darmanin e del primo ministro Jean Castex. Inizialmente le forze dell’ordine si erano messe sulle tracce di due sospettati, di cui uno fuggito in metropolitana indossando un giubbotto smanicato, pantaloni della tua neri e un paio di scarpe rosse.

Successivamente un uomo è stato arrestato verso le 12.45 nei pressi di Place de la Bastille: recava tracce di sangue sui vestiti. Le ultime notizie fornite dalla prefettura di Polizia parlano di un secondo sospetto fermato sempre nel quartiere della Bastiglia, poco lontano dal primo fermato, circa un’ora fa. Secondo quanto riportato da Le Parisien, il gruppo terroristico Al Qaeda avrebbe negli ultimi tempi diffuso nuovi appelli incitando ad attaccare il giornale satirico che aveva ricominciato a pubblicare vignette offensive su Maometto. Le Figaro fa sapere che il presidente francese Emmanuel Macron, sta «seguendo da vicino dall’Eliseo» gli sviluppi della vicenda. Il premier Jean Castex dichiara su Twitter che si recherà «subito in Piazza Beauvau per fare il punto della situazione con il ministro dell’Interno». Il Comune di Parigi ha ordinato il confinamento precauzionale  di migliaia di studenti nelle scuole nei pressi del luogo dell’accoltellamento. Si tratterebbe di cinque scuole dell’11esimo arrondissement e tutte le scuole del terzo e del quarto.

Cristina Gauri

2 Commenti

  1. Come si dice in francese “cazzi vostri” ???

    Hanno coccolato i muslim , hanno votato sarko è la nullità micron , pur di non votare FN ….

    SI FOTTANO …. anch’io a suo tempo ho scritto jesuischarlie ,,, oggi NON LO RIFAREI !

Commenta