Il Primato Nazionale mensile in edicola

La pandemia da Covid-19 ha avvicinato tantissime persone al mondo degli investimenti per almeno due principali ordini di ragioni. Il primo è legato alla possibilità (o meglio, alla necessità) di passare molto più tempo a casa: il distanziamento sociale è una delle armi più utilizzate per contrastare la diffusione del contagio e dunque moltissimi lavoratori si sono ritrovati a svolgere la propria professione in smart working, finendo con il godere di tempo libero imprevisto. Dopodiché, purtroppo, il coronavirus ha avuto ripercussioni pesantissime non solo sulla salute, ma anche sull’economia di mezzo pianeta e dunque non sorprende che diversi professionisti siano spinti o addirittura costretti a cercare nuove vie di guadagno.

Sangue di Enea Ritter

Non si gioca con le emozioni

Chiunque voglia iniziare ad operare nei mercati finanziari, deve tenere conto di alcune direttive necessarie. Esistono infatti regole per investire in borsa correttamente che ciascun trader deve seguire per non incorrere in truffe e limitare al massimo i rischi

Black Brain

La prima regola universalmente valida, utile a tutti coloro che iniziano a investire in borsa, è legata al giusto approccio da mantenere durante le negoziazioni digitali. Il modo di dire “giocare in borsa” infatti rischia di far considerare la compravendita di titoli e azioni come una specie di passatempo.

Niente di più sbagliato: il trading online è una professione complessa, che, tra l’altro, va gestita con molta più razionalità di quanto non si potrebbe immaginare. Infatti un investitore professionista si affida davvero molto poco all’istinto. Al contrario, pianifica con cura le proprie mosse e, soprattutto, tiene a bada le proprie emozioni. In tal senso vale la pena di sottolineare come il classico errore commesso dai trader principianti consista proprio nel lasciarsi sopraffare dall’emotività, specie se dinnanzi a scenari negativi

Creare la propria strategia di investimento

Per il resto, per elaborare una buona strategia di investimento, non è necessario essere dei super professionisti. In effetti la cosa più importante da questo punto di vista è essere sinceri, ovvero pianificare le proprie mosse in base al proprio profilo.

Questo vuol dire dunque tenere conto del proprio livello di esperienza nel settore, ma anche del budget che si ha a disposizione, degli obiettivi prefissati, del tempo che si ha a disposizione per raggiungerli e del livello di rischio che si è disposti ad accettare. In base agli input di cui sopra un investitore finisce col conoscere quale tipo di operazione è adatta alle sue esigenze ancora prima di accedere a un mercato. 

Trovare il giusto partner

C’è poi un ulteriore step da tenere a mente che precede la compravendita di strumenti finanziari: un’ultima, importantissima scelta da compiere ancor prima di iniziare ad investire. Ebbene, questa scelta riguarda il broker, ovvero il partner a cui il trader si rivolgerà per effettuare le negoziazioni digitali. I broker infatti sono dei veri e propri intermediari finanziari: dei siti o delle piattaforme che permettono di accedere ad asset e mercati selezionati previa iscrizione. Scegliere il broker più adatto alle proprie esigenze è fondamentale, visto che i vari siti offrono condizioni e modalità di utilizzo spesso molto diverse tra loro.

Ci sono infatti broker pensati appositamente per i neofiti del trading, che permettono di accrescere le proprie conoscenze tramite corsi e lezioni, dando inoltre la possibilità di operare in “Conto Demo”. Allo stesso modo ci sono broker specializzati in mercati e strumenti finanziari specifici, semplicemente perfetti per i trader con un buon livello di preparazione e le idee chiare sul da farsi. 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta