Negli ultimi anni i cosmetici biologici sono sempre più presenti nella beauty routine di tantissime persone, dal bagnoschiuma alle creme. Del resto, si tratta di prodotti naturali, ottenuti dalle piante e ricchi di principi attivi. Sceglierli significa acquistare articoli realizzati nel completo rispetto dell’ambiente, privi di sostanze nocive, efficaci e completamente sicuri per il benessere della nostra pelle. Ma quindi, perché scegliere cosmetici biologici? Ecco tre semplici ragioni. 

I cosmetici bio sono privi di conservanti e sostanze dannose

Creme, ombretti, shampoo, profumi e tutti i prodotti di make-up biologici in generale sono di origine naturale: sfruttano sostanze e principi attivi estratti dalle piante e da altri elementi simili. Rispettano l’ambiente e il naturale ciclo della terra, poiché provenienti da agricoltura controllata in cui non si utilizzano antiparassitari o concimi chimici. 

Non contengono, dunque, siliconi, parabeni, petrolati o altre sostanze potenzialmente nocive per la nostra cute. Tali ingredienti, al contrario, vengono impiegati nei cosmetici artificiali. Svolgono, infatti, un’azione conservante, in grado di mantenere l’integrità del prodotto il più a lungo possibile. 

Sostanze del genere, di origine chimica, possono portare a sviluppare allergie, irritazioni e problemi alla pelle, cosa che invece non accade quando si utilizzano cosmetici biologici. 

Lasciano respirare la pelle e non sono contaminati

Come già accennato, a differenza dei cosmetici con siliconi e petrolati, quelli biologici non agiscono occludendo i pori della pelle, bensì liberandoli. Contenendo esclusivamente ingredienti di origine naturale non fanno seccare la cute. Al contrario, la nutrono e la idratano in profondità.

Non sono tossici, anzi, supportano il nostro organismo e lo aiutano ad eliminare le tossine e le scorie prodotte dai cosmetici utilizzati in precedenza. Inoltre, forniscono fino al 50% di vitamine e minerali in più rispetto agli articoli modificati chimicamente, proprio perché gli ingredienti mantengono inalterate le loro caratteristiche di base. 

È bene ricordare, poi, che non si tratta di cosmetici contaminati. Pur contenendo conservanti indispensabili per salvaguardare la durata del prodotto, sono tutti di origine 100% naturale.

Sono cruelty free, non inquinano e vengono sottoposti a rigidissimi controlli di qualità

I cosmetici biologici sono cruelty free, ciò significa che non vengono sperimentati sugli animali. Essendo generalmente riciclabili e biodegradabili (anche nel packaging) sono facilmente compostabili e non immettono sostanze tossiche nell’ambiente. 

Infine, tali prodotti sono sottoposti a severi controlli e la loro qualità è garantita da diverse certificazioni. Qualche esempio? EcoCert, AIAB, ICEA, Cosmebio o USDA.  

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta