Esploso negli ultimi anni, anche in risposta alle chiusure commerciali che hanno caratterizzato i diversi periodi dell’emergenza Covid, l’e-commerce si sta evolvendo rapidamente, virando verso sistemi di vendita sempre più vicini ai bisogni della clientela. Una delle sfide degli operatori del settore è oggi quella delle consegne rapide, non più soltanto nell’arco delle 24-48 ore, ma addirittura in tempi strettissimi compresi tra i 10 e i 30 minuti. Si parla così di Q-commerce, ossia “quick commerce”, una forma di commercio elettronico basata tutta sulla tempestività.

E-commerce e consegne rapide: come evolve il settore

Sono ormai lontani i tempi in cui gli acquisti online richiedevano diversi giorni, se non addirittura settimane, per raggiungere il domicilio del cliente. Fermi restando i casi di prodotti provenienti da Paesi particolarmente lontani o della scelta di modalità di spedizione più economiche ma anche più lente, infatti, oggi la maggior parte dei negozi online riesce a consegnare nell’arco delle 24-48 ore lavorative, grazie ai servizi sempre più efficienti e organizzati dei corrieri espresso.

Tante attività, anche di piccole e medie dimensioni, cercano in questo modo di rispondere all’attacco del colosso Amazon, che anche grazie alla rapidità delle consegne è riuscito a conquistare il favore dei clienti, che apprezzano particolarmente la possibilità di non dover attendere eccessivamente per avere il prodotto tra le mani. Così, che si tratti di giocattoli ecosostenibili come nel caso di Baby Cherry o dei grandi marchi di abbigliamento presenti su Zalando, una volta concluso l’ordine online oggi non passano più di 2 giorni per completare l’intera transazione.

Anche questi tempi, però, vanno restringendosi sempre più, soprattutto in settori particolari come quello del food delivery, che per la loro stessa natura non possono presentare attese troppo lunghe. Così, alla rapida espansione della richiesta di tali servizi corrisponde la nascita di un nuovo modo di intendere il commercio elettronico, che prende appunto il nome di quick commerce.

Nell’ambito del Q-commerce troviamo numerose esperienze di successo, come per esempio la startup spagnola Glovo, che garantisce la consegna a domicilio di un’ampia varietà di prodotti in appena 10-15 minuti, il tutto con un servizio aperto h24. Oggi attiva in 23 Paesi e con più di 10 milioni di utenti in tutto il mondo, Glovo ha in sostanza abbattuto il confine tra digitale e locale, creando un mix innovativo in cui all’ordine effettuato tramite smartphone o PC corrisponde un contatto con un negozio presente sul territorio: tra i due soggetti, il rider di Glovo, che si occupa dell’effettiva consegna a casa del consumatore.

Lo sviluppo delle tecnologie digitali favorisce il Q-commerce

Il successo del Q-commerce risiede non soltanto nella formula imprenditoriale, ma anche nella disponibilità di tecnologie sempre più innovative in grado di supportare tutti i soggetti coinvolti nella filiera. Lo sviluppo delle tecnologie mobili, per esempio, è stato fondamentale per il boom di queste iniziative, poiché ha permesso ai singoli utenti di avere sempre a portata di mano un collegamento con le realtà attive nei vari settori e di poter effettuare ordini rapidi da qualsiasi luogo.

Già ampiamente utilizzate in comparti come quello dell’intrattenimento e dei giochi, dove per esempio i casino online hanno rivoluzionato il mondo di intendere l’attività ludica, le app si sono rivelate fondamentali per questo passaggio epocale. Citiamo i casino digitali non a caso: le società attive in questo settore, infatti, sono state tra le prime a comprendere le potenzialità dei dispositivi mobili per il divertimento e i servizi di pubblica utilità, tanto da investire sin da subito somme cospicue per creare applicazioni in grado di rispondere a ogni possibile esigenza d’uso.

Piattaforme come quelle censite da Casinos.it offrono oggi la possibilità di giocare sia in maniera più “tradizionale” da PC desktop che da smartphone e tablet, con tutta la praticità di servirsi di un apparecchio portatile e facile da utilizzare anche durante una semplice pausa dal lavoro o un’attesa prolungata. E se stai cercando i migliori bonus del casinò online il sito sarebbe anche in grado di aiutare come fornisce una guida completa ai bonus dei casinò online in modo che un giocatore abbia una migliore comprensione dei vari tipi di bonus disponibili per aiutarlo a scegliere il casinò che meglio si adatta alle tue esigenze. Questa scelta ha premiato le società di iGaming con il continuo aumento del numero di utenti e dei fatturati, a riprova che il mobile piace e convince ampie fette di pubblico.

Le caratteristiche descritte risultano fondamentali anche per le aziende che puntano a fare Q-commerce: l’uso dei dispositivi portatili per effettuare acquisti è infatti in continua crescita e, data la particolarità di questa nuova modalità di fare commercio, in cui presenza costante, velocità e tempestività sono centrali, è inevitabile che il ricorso alle tecnologie mobili superi già ampiamente quelle classiche.

Glovo, ma anche JustEat, Alfonsino e Gorillas, rappresentano anche da questo punto di vista un esempio di innovazione e successo, da replicare e adattare nel tempo anche agli altri settori commerciali.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta