Economia-l-Ue-pronta-a-promuovere-l-Italia-nei-conti-pubbliciRoma, 10 mar – “Il più freddo di tutti i freddi mostri”: la definizione che Nietzsche riservava allo Stato borghese può ormai valere a pieno titolo anche e soprattutto per l’Unione europea, che degli Stati nazionali conserva e amplifica in modo abnorme la parte burocratica senza portare alcun vantaggio in cambio.

E proprio come a un mostro freddo sembrano guardare gli italiani quando volgono lo sguardo all’Ue. Secondo i dati riportati da Ilvo Diamanti su Repubblica, il 32% degli italiani si dice ormai d’accordo con l’affermazione che sarebbe meglio “uscire dall’euro e tornare alla lira”.

In Italia, il peso degli europeisti (29%), che hanno fiducia nella Ue, supera di poco quello di coloro che si oppongono all’Euro e non credono nella Ue (27%). La maggioranza degli italiani (44%) si rifugia invece in un atteggiamento euroscettico oppure eurocritico. Sopporta, cioè, l’euro senza aver fiducia nella Ue.

Il maggior grado di anti-europeismo si raggiunge fra gli imprenditori e i lavoratori autonomi: 43%, fra le casalinghe (44%) e i disoccupati (38%). Mentre il maggior livello di europeismo si incontra, invece, fra gli studenti (43%), i liberi professionisti (48%) e fra gli impiegati del settore pubblico (39%).

Sul piano territoriale, l’anti-europeismo tocca i suoi picchi nel Mezzogiorno e nel Nordovest (quasi 30%), mentre è un po’ meno diffuso nel Centro e nel Nordest (dove, comunque, supera il 20%).

Insomma, un rapporto mai nato quello fra l’Italia e l’Ue. Lo testimonia anche il record tutto italiano delle procedure di infrazione avviate da Bruxelles contro il nostro Paese. Al 31 dicembre 2013, le procedure d’infrazione a carico dell’Italia sono 104, di cui 80 per la violazione di norme e 24 per mancato recepimento di nuove normative.

Nel 2012, a causa delle violazioni riscontrate dalla Corte di Strasburgo, è stata condannata a versare indennizzi per 120 milioni, la cifra più alta mai sborsata da uno dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa.

La domanda sorge spontanea: ma che ci stiamo ancora a fare?

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here