Il Primato Nazionale mensile in edicola

lotta contro le bufaleRoma, 17 feb – Finalmente la folle campagna contro le “fake news” dà i suoi primi frutti: approda infatti in Senato un ddl che definire orwelliano è dire poco. La prima firmataria è Adele Gambaro: paradossalmente una ex Cinque stelle espulsa dal Movimento e ora passata nel gruppo guidato da Denis Verdini (Ala-Scelta Civica). Ma il provvedimento conta una partecipazione trasversale con adesioni raccolte da tutti i gruppi parlamentari. La legge allo studio del Parlamento prevede multe per chi diffonde notizie false su social media o siti “non espressione di giornalismo online” (perché, i giornali on line invece possono farlo?) e reclusione fino a due anni per chi si rende “responsabile di campagne d’odio contro individui” o “volte a minare il processo democratico”.

Sangue di Enea Ritter

L’articolo 1 dice che chi pubblica o diffonde “notizie false, esagerate o tendenziose attraverso social media o siti, che non siano espressione di giornalismo online, è punito con l’ammenda fino a 5mila euro“. Rileggiamo: notizie “false, esagerate o tendenziose”. Ma cos’è una notizia esagerata? E una tendenziosa? Dire che l’immigrazione è un’invasione sarà ancora lecito o sarà “tendenzioso”? E, viceversa, quando Repubblica crea un allarme omofobia per una scritta a pennarello su una panchina, si tratta di una notizia “esagerata”? No, in quest’ultimo caso no, perché loro sono un giornale on line, possono scrivere quello che vogliono. La situazione peggiora se il fake “può destare pubblico allarme”, o “recare nocumento agli interessi pubblici”. In questo caso sono previsti: l’ammenda fino a 5mila euro a cui si aggiunge la “reclusione non inferiore a dodici mesi“. Chi, invece, si rende “responsabile di campagne d’odio contro individui” o “volte a minare il processo democratico” è punito con la reclusione non inferiore a due anni e l’ammenda fino a 10mila euro.

Black Brain

Insomma, una bella follia. E anche controproducente, se l’obbiettivo deve essere quello di combattere i grillini: contrastare una forza politica che si vuole antisistema (senza esserlo, ma questo è un altro discorso) con un bavaglio significa semplicemente farle il più grande assist possibile. Vaglielo a spiegare…

Giorgio Nigra

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta