COMUNALI: SEGGI RIAPERTI ALLE 7, SI PUO' VOTARE FINO ALLE 15Roma, 15 giu – In parte lo scandalo Mafia capitale, i casi di corruzione, l’incapacità di far fronte all’emergenza immigrazione, in parte le divisioni interne: sono molti i motivi della flessione del Pd ai ballottaggi delle elezioni comunali, con Venezia, Arezzo Matera, Fermo, Nuoro, Chieti e Lamezia Terme che vanno al centrodestra. Il Pd vince a Trani, Mantova, Macerata e Lecco, un risultato che non basta a spegnere i malumori.

Fa rumore soprattutto Venezia, dove Felice Casson, ex magistrato e vincitore delle primarie di centrosinistra, si deve arrendere all’outsider Brugnaro. La città lagunare era governata da 22 anni da sindaci di sinistra. Anche qui si è fatto sentire lo scandalo Mose e l’arresto del sindaco Orsoni.

Non è servito, quindi, il sostegno del premier, che è andato a Venezia due volte per far sentire il suo appoggio a Casson.

Centrosinistra battuto anche ad Arezzo, dove nelle ultime due tornate era stato eletto al primo turno un sindaco “rosso”. Stavolta, invece, Matteo Bracciali è stato sconfitto dallo sfidante Alessandro Ghinelli per circa 600 voti. Ma le brutte notizie per Renzi non finiscono qui. A Matera Raffaello Giulio De Ruggieri batte il sindaco dem in carica. A Nuoro, la coalizione regionalista con Partito Sardo d’azione e La Base strappa la città al Pd, riuscendo a eleggere Andrea Soddu. A Fermo poi Paolo Calcinaro (sostenuto da due liste civiche) supera nettamente il candidato di centrosinistra.

Vincono i candidati dem a Trani, dove Amedeo Bottaro supera il 75%, e a Macerata, dove Romano Carancini sfiora il 60%. Buoni risultati del Pd in Lombardia, dove si impongono nettamente Mattia Palazzi (62,6%) a Mantova e Virginio Brivio (54,4%) a Lecco.

Tre città vanno al Movimento 5 Stelle: Porto Torres, Quarto e Venaria Reale.

Dovranno attendere ancora oggi gli elettori dei tredici comuni siciliani andati al voto: i seggi resteranno aperti anche oggi, dalle 7 alle 15. Si vota anche a Enna, attualmente governata dal centrosinistra, dove Vladimiro Adolfo Crisafulli sfida il candidato del centrodestra Maurizio Antonello Dipietro.

Si conferma il trend negativo dell’affluenza alle urne. Di poco sopra il 47% il dato definitivo, un calo significativo rispetto al primo turno: -16,10%.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here