Un errore che spesso si commette nel nostro universo, che potremmo definire genericamente anti-sistema, è quello di considerare gli avversari come un unico blocco monolitico. In realtà, analizzando anche solo gli ultimi accadimenti sul palcoscenico mondiale (e nazionale), è facile smontare questa convinzione. Prendere coscienza della complessità e delle debolezze dei nostri nemici è essenziale per mettere a punto una strategia vincente.

Questo articolo è stato pubblicato sul Primato Nazionale di giugno 2022

Partiamo da una certezza granitica: esiste un’ideologia globalista condivisa nel campo avversario. Una chiara e riconoscibile idea di come il mondo, in futuro, dovrebbe essere per questi signori, ovvero un’immensa gabbia senza confini, dove ogni rimando a qualsivoglia identità o peculiarità, sia culturale che personale, è bandito. In un simile ordine globale, i popoli vengono liquefatti e posti sotto il controllo asfissiante di oligarchie transnazionali.

Fin qui ci siamo. Tuttavia, il percorso attraverso cui giungere a questo El Dorado globalista non è concordato in modo unanime. Anzi, sempre più spesso emergono correnti di pensiero e di azione in contrasto tra di loro, anche in maniera violenta.

Fronte globalista diviso

Qualche esempio. Elon Musk, acquistando Twitter, ha gettato nello scompiglio e nel terrore i ripetitori del mainstream, semplicemente annunciando che avrebbe liberato il social dalla cappa della censura. Ora, mister Tesla è tutto tranne che un nemico del processo di globalizzazione: il suo progetto Neuralink, in cui si punta a connettere il cervello umano al computer tramite microchip, è puro delirio transumanista. Allora perché, in apparenza, Musk toglie ai «suoi» un’arma così importante come la censura? Semplice: perché il miliardario ha altri progetti su come giungere alla meta.

Oppure pensiamo a Bergoglio. Questo papa ha agito sin da subito come un megafono del pensiero unico globalista, sconvolgendo milioni di fedeli con arditi – quanto inopportuni – parallelismi tra la dottrina cattolica e tematiche come la questione ambientale in salsa gretina, l’immigrazione di massa e lo smantellamento delle nazioni. Non esattamente un campione dei popoli sovrani. Ebbene, il pontefice ha sottolineato le colpe dell’Alleanza atlantica nell’attuale conflitto in Ucraina, dovuto anche…

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta