Il Primato Nazionale mensile in edicola

Matteo Renzi

Aggiornamento ore 17.00: L’Italicum ha ottenuto il primo ok alla la Camera con 352 “sì”. 207 i “no” e un astenuto. Sono 36 i deputati del Pd che non hanno votato la fiducia.

Roma, 29 apr – Forse bluffando un po’, Matteo Renzi si è giocato tutto: o così o vado a casa. Il premier sa che nessuno dei suoi avversari muore dalla voglia di andare alle elezioni adesso. La sua prova di forza sull’Italicum è quindi destinata ad avere successo, probabilmente. Non senza che al premier venga imputata una sorta di deriva autoritaria.

Il primo psicodramma si è consumato ieri: lo scoglio delle pregiudiziali di costituzionalità e di merito è stato superato agevolmente. Ma la decisione di porre la questione di fiducia sulla legge elettorale – autorizzata da un Cdm lampo riunitosi nella pausa pranzo e ufficializzata dalla ministra alle Riforme Maria Elena Boschi alla ripresa dei lavori pomeridiani – ha mandato su tutte le furie le opposizioni, interne ed esterne al Pd.

“Maiali e infami, sono vergognosi e rottinculo”, ha sobriamente commentato Maurizio Bianconi, di Forza Italia. Sel ha lanciato crisantemi. Renato Brunetta ha avventatamente parlato di “fascismo renziano”.

La minoranza Pd è sul piede di guerra: Pippo Civati annuncia via Twitter che la fiducia lui non la voterà e sulla stessa linea è Stefano Fassina. Idem Roberto Speranza e Pier Luigi Bersani.

Da Palazzo Chigi, tuttavia, non un passo indietro: “Dopo anni di rinvii noi ci prendiamo le nostre responsabilità in Parlamento e davanti al Paese, senza paura”, ha scritto subito su twitter il premier Matteo Renzi. E al Tg1 ha ribadito: “Non c’è cosa più democratica di mettere la fiducia: se passa, il governo va avanti altrimenti va a casa. Cosa c’è di più democratico di chi rischia per le proprie idee? È tempo del coraggio, non di rimanere attaccati alla poltrona. La minoranza rispetti le decisioni della maggioranza altrimenti è anarchia”.

Ad ogni modo saranno tre i voti di fiducia sulla legge elettorale. Il primo voto si terrà oggi alle 15.25, mentre gli altri due si terranno nella giornata di giovedì. I voti di fiducia saranno sugli articoli 1, 2 e 4 dell’Italicum (l’articolo 3 non si vota perchè è in copia conforme al testo del Senato. Non è stato ancora decisa la data del voto finale sul testo che presumibilmente slitterà a maggio. Come annunciato stamani dalla presidente Laura Boldrini, la votazione finale sarà segreta. In base al regolamento di Montecitorio, essa non può essere “blindata” con la fiducia.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta