Roma, 30 ago – Il governo giallofucsia guidato da Giuseppe Conte nascerà con l’imprimatur di Sergio Mattarella. Lo si è capito fin dalle parole del premier incaricato, quando al Colle ha ribadito che il posto dell’Italia è nell’alleanza euroatlantica, nell’armoniosa collaborazione con la Ue per restituire alla nazione il ruolo che le spetta (dopo che le istanze sovraniste della Lega di Salvini l’avevano messa nell’angolo), in sostanza nel multilateralismo come chiave per (non) difendere gli interessi nazionali. E proprio per questo il capo dello Stato, almeno secondo un retroscena del Corriere della Sera, intende dire la sua sui ministeri chiave del pastrocchio M5S-Pd. Proprio in virtù della ricollocazione del Paese sul fronte della politica estera, del rispetto dei diktat Ue sui conti pubblici, della gestione dei flussi migratori. Ecco quindi che Mattarella vigilerà molto attentamente sulle caselle chiave: Esteri, Economia, Interno, Difesa.

Un governo del Presidente?

Sarà un governo politico“, assicurano fonti del Colle. Eppure c’è chi è convinto che alcuni passaggi del discorso del premier incaricato siano praticamente dettati da Mattarella. “I dicasteri critici, su cui il Presidente è pronto a offrire pareri preventivi, sono l’Economia, gli Esteri, la Difesa e l’Interno”, confermano dal Quirinale. Per intenderci, un parere preventivo da parte di Mattarella significa che se per una data casella dell’esecutivo il nome proposto non convince il Colle, quel nome va cambiato. Magari dietro suggerimento del capo dello Stato.


Ecco quindi che, visto l’alto tasso di litigiosità di M5S e Pd – d’accordo sul dare vita a un “governo della poltrona” per non andare a casa ma in totale disaccordo su come spartirsi le poltrone – il parere vincolante di Mattarella sui ministeri chiave fa somigliare questo guazzabuglio di partiti ex nemici giurati a un esecutivo del Presidente. Insomma, più che un Conte bis, un Monti 2.0.

Adolfo Spezzaferro

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here