Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bologna, 22 gen – Da Raznatovic a Salvini, dal sogno della Grande Serbia al voto in Emilia Romagna. Passano gli anni ma Sinisa Mihajovic resta sempre politicamente scorretto. Certo, un conto è rivendicare l’amicizia con la Tigre Arkan, un altro tifare per il centrodestra alle regionali. Ma i tempi sono quello che sono e, nell’era del vuoto cosmico delle sardine, una presa di posizione così netta da parte di un protagonista della Serie A non è per nulla scontata. “Tifo per Matteo Salvini e spero che possa vincere in Emilia-Romagna con Lucia Borgonzoni”, ha dichiarato l’allenatore del Bologna in una intervista rilasciata al Resto del Carlino.

Salvini il combattente

Nonostante la battaglia contro la malattia e gli impegni professionali, Mihajlovic ha avuto il tempo per incontrare il segretario della Lega: “Ci siamo visti l’altro giorno. È stato un incontro più che piacevole. Lui è mio amico, ci conosciamo da tanti anni, dai tempi del Milan. Mi piace la sua forza, la sua grinta, è un combattente“. Insomma quello dell’ex calciatore di Samp e Lazio pare propio un appoggio incondizionato: “Se voterei per lui? Mi ispira fiducia. Quello che dice, poi lo realizza. E il fare è sempre più raro nei nostri tempi. Matteo è uno tosto, fa quello che fanno i grandi nel calcio : se promette, mantiene. I grandi uomini fanno questo, nello sport e nella politica”.

La fiducia in Lucia Borgonzoni

Sinisa vive in Italia da quasi trent’anni e la considera la sua patria d’adozione. Anche per questo ritiene importante un’inversione di rotta in una Regione come l’Emilia, governata dalla sinistra dal dopoguerra in poi: “Cambiare tanto per cambiare non serve. Io posso solo dire che sono in Italia dal 1992 e anche se non è il mio Paese di origine, è come se lo fosse diventato. E, da allora, trovo l’Italia peggiorata. Quindi bisogna avere idee e la forza di migliorare”. Mihajlovic ribadisce la sua fiducia anche nella figura di Lucia Borgonzoni, spesso oscurata dalla campagna elettorale che Salvini sta conducendo in prima persona: “Le donne hanno carattere, determinazione, riescono sempre: Lucia è una di queste donne. Non la conosco personalmente, ma so che sarà all’altezza. Bisogna avere coraggio nella vita e per cambiare serve coraggio. Io dico la mia opinione come persona, non do lezioni. Ma penso al carisma e a chi mi dà fiducia”.

Davide Di Stefano

1 commento

Commenta