Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 dic – Red Ronnie, il creatore del Roxy Bar ha fatto un intervento davvero lucido e illuminante ieri a Stasera Italia. Attraverso ciò che conosce meglio, ovvero la musica, lo storico conduttore ha spiegato al pubblico la sua visione sulla politica, su Salvini e sui suoi oppositori.

L'”identikit” di Salvini

Red Ronnie ha tracciato un identikit “mediatico” del leader del Carroccio, riducendo a zero i ritornelli utilizzati dai suoi detrattori per criticarlo: “Salvini è un istintivo, si dice che parli alla pancia degli italiani perché parla con la pancia. Raramente lo vedo leggere dei discorsi, e diffido da chi legge i discorsi perché vuol dire o che non gli appartiene o che glielo ha scritto qualcun altro”. Poi passa a fare un collegamento tra Salvini e Vasco Rossi: “Nel servizio avevate messo la canzone di Vasco C’è chi dice no con tutti questi nemici di Salvini”. Red Ronnie è, ovviamente, un esperto di tutto ciò che riguarda il rocker di Zocca: “Curiosamente ho qui il disco e devo mettere un pezzo. Perché? Perché continuano a giudicarlo sul Papeete, perché era a torso nudo, perché beveva il mojito e praticamente è un po’ come quello che Vasco diceva di sé stesso. A Vasco gli dicevano ‘è un animale, guardate l’animale‘, e Salvini oggi è un po’ quell’animale che tutti dicono”.

“Bella ciao, roba da Casa di Carta

Infine, Red Ronnie non perde l’occasione per lanciare uno strale di critica politica e musicale alle piazze delle Sardine che hanno reso il canto partigiano Bella ciao il proprio inno in chiave antisalviniana: “Visto che siamo in termini di canzone, vorrei ricordare una cosa: tutti cantano Bella Ciao, Bella Ciao è una canzone che va bene nella Casa di Carta. Ma cantare ‘mi sveglio una mattina ed è arrivato l’invasore’… ma l’invasore chi è? E’ Salvini o è qualcuno dell’Europa che ci sta invadendo, ci sta comprando, ci sta obbligando a fare cose?”. Ronnie rivendica la sua indipendenza politica: “Io sono anarchico però vedo che ci sono molte cose che non stanno andando in questo mondo, c’è qualcuno che non sa più che ore sono” (la citazione è sempre di Vasco). E interrogato sulle elezioni in Emilia Romagna, dice: “Da queste parte come in tutta Italia c’è un unico nemico, cioè Salvini. Possono avere torto o ragione, ma sembra che tutta la politica, tutte le decisioni sono contro Salvini“.

Ilaria Paoletti

6 Commenti

  1. Red Ronnie,non è un pirlone qualsiasi; è stato uno dei primi,nei tardi anni 70 ad essere intervenuto in prima persona nella scena alternativa britannica,da mark perry della fanzine sniffin’ glue a Gen P-Orridge dei TG,con la passione autentica dello scopritore di talenti nascosti;

    non mi sorprende affatto quindi questo suo lucido intervento.

    comunque grazie grazie grazie al ricciolino delle sardine,a cominciare da quel suo look finto proletario anni 70 (gli manca solo l’eskimo verde e le clarks);

    è riuscito con la stupidaggine tipica di quelli di sinistra a catalizzare in senso politico le elezioni amministrative in Emilia….ossia l’ultima cosa che avrebbe voluto tal Bonaccini a cominciare dai manifesti di quest’ultimo che sembrano praticamente quelli di un candidato di Forza Italia.

  2. Bravo Ronnie. Tu, da “anarchico”, fai il coro con i neo-comunisti di Rizzo: che è un altro capace di dire le cose come stanno, senza essere attaccato dai falsi compagni di falsa sinistra di IV, PD, LeU e compagnia cantante… Strano che nessuno noti la cosa!

  3. Il canto bella ciao è l’invenzione di una tradizione.
    In realtà non era il canto ufficiale dei partigiani.

Commenta