elezioni regionali 2015Roma, 29 apr – Il prossimo 31 maggio 17 milioni di elettori sono chiamati alle urne, per votare il governo di sette regioni italiane: Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto.
Il sistema elettorale cambia però da regione a regione: la potestà legislativa introdotta con la riforma del Titolo V della Costituzione, nel 2001, ha consentito infatti di apportare modifiche alla Legge Tatarella, che dal 1995 regolava il sistema elettorale nelle regioni a statuto ordinario.

Le differenze principali riguardano il ballottaggio (previsto solo in Toscana), i premi di maggioranza, le soglie di sbarramento, la possibilità del voto disgiunto.

Campania: la legge elettorale campana prevede un turno unico, senza ballottaggio: il candidato che prende più voti è eletto Presidente. È previsto un premio di maggioranza, che consente al candidato eletto di raggiungere almeno il 60% dei seggi del Consiglio regionale. Inoltre, si vota attraverso le preferenze: ne possono essere espresse due, ma nel rispetto della parità di genere, altrimenti la seconda viene annullata. La soglia di sbarramento è fissata al 3% per le liste collegate al candidato che non raggiunge il 10%.

Liguria: anche qui è previsto un turno unico. Si possono esprimere due voti: uno alla lista regionale e uno alla lista provinciale (il voto può anche essere disgiunto). L’elettore può poi esprimere una preferenza ad uno dei candidati delle liste provinciali, scrivendo nome e cognome del candidato a fianco al simbolo della lista. Nonostante un lungo dibattito per modificare la legge elettorale, è residuata la lista bloccata.

Marche: la legge elettorale marchigiana è stata modificata nel marzo scorso. È previsto anche in questa regione il turno unico. Il Presidente della regione è eletto direttamente con sistema maggioritario, mentre gli altri seggi sono assegnati con sistema proporzionale corretto con un premio di maggioranza. Dei 31 seggi del Consiglio Regionale, uno va al presidente e uno al candidato sconfitto con più voti. I restanti 29 sono così spartiti: se la coalizione vincente ottiene il 40% dei voti, ha 18 seggi; se ottiene tra il 37% e il 40% dei voti, ha 17 seggi; se ottiene tra il 34% e il 37% dei voti, ha 16 seggi. Al di sotto del 34% di voti ricevuti, i seggi vengono assegnati con criteri proporzionali. È prevista la soglia di sbarramento al 5%, o inferiore al 5% se all’interno della coalizione una lista circoscrizionale ha raggiunto il 3%.

Puglia: la legge elettorale pugliese è stata modificata nel febbraio scorso. Prevede un turno unico e un premio di maggioranza variabile: se la coalizione vincente supera il 40% dei voti, ottiene 29 seggi (sui 50 totali); se riceve tra il 35% e il 40% dei voti, ottiene 28 seggi; se ottiene meno del 35% dei voti, ha 27 seggi. La soglia di sbarramento è fissata all’8% per le coalizioni e per le liste che si presentano da sole. Mentre la soglia per le singole liste che si presentano in coalizione è del 4%.

Toscana: la legge elettorale toscana, detta ‘Toscanellum’, è del 2014. La nuova legge prevede un doppio turno: nel caso in cui nessun candidato raggiunga il 40% delle preferenze, si andrà al ballottaggio tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Le liste sono bloccate: è possibile esprimere due preferenze, marcando una croce sul nome prescelto. Come in Campania, nelle preferenze è garantita la parità di genere: quindi, se la prima preferenza è per un candidato uomo, la seconda dovrà essere espressa per una candidata donna (o viceversa).
Il premio di maggioranza va a chi vince e prende il 60% dei seggi se raggiunge il 45% dei voti al primo turno, oppure prende il 57,7% dei seggi se raggiunge il 40 o 45% dei voti validi nel primo turno di votazione.

Sono poi previsti i seguenti sbarramenti: 10% per le coalizioni di partito, 5% per le liste non coalizzate e 3% per le liste all’interno di coalizioni.

Umbria: la legge elettorale è stata modificata negli ultimi giorni. È previsto un turno unico: vince il candidato che ottiene più voti. Per quanto riguarda il premio di maggioranza, la legge umbra ripropone i vizi del Porcellum: il 60% dei seggi andranno alla lista vincente ma senza alcuna soglia minima di voti. Non è ammesso il voto disgiunto: non si possono votare liste diverse rispetto a quelle del candidato presidente che si intende votare. Infine, si vota con il metodo delle preferenze ed è prevista la doppia preferenza di genere. La legge fissa anche una quota massima di spesa elettorale: 100mila euro per i candidati presidenti e 25mila per i candidati consiglieri.

Veneto: anche in questa regione non è previsto il ballottaggio. in Veneto ci sono state importanti modifiche alla legge elettorale del 2010. Sono previste le preferenze: gli elettori potranno indicare sulla scheda elettorale sia per il Presidente sia per i membri del Consiglio regionale. È previsto un premio di maggioranza: se la coalizione raggiunge almeno il 50% dei voti avrà il 60% dei seggi; se raggiunge un numero di voti compreso tra il 50% e il 40% avrà il 57,5% dei seggi; se ha ottenuto meno del 40% dei voti, avrà il 55% dei seggi. La soglia di sbarramento è stata innalzata e fissata al 5% per tutte le coalizioni.

Ettore Maltempo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here